Notizie Locali


SEZIONI
Catania 34°

Attualità

Modica, socia Anffas vince causa con l’Asp di Ragusa che aveva interrotto il trattamento Aba in favore del figlio con disturbi dello spettro autistico

L'ordinanza segna un importante precedente a favore dei diritti dei minori con autismo e delle loro famiglie

Di Redazione |

È intervenuta un’ordinanza storica nel territorio ibleo che segna un importante precedente a favore dei diritti dei minori con autismo e delle loro famiglie. Lo mette in evidenza Anffas onlus Modica. Infatti, una madre socia di Anffas Modica, difesa dagli avvocati Corrado Valvo e Chiara Calabrese del foro di Siracusa, ha fatto ricorso contro l’Asp di Ragusa per avere quest’ultima interrotto il trattamento Aba in favore del figlio autistico dopo il compimento dei sei anni, nonostante la gravità massima della patologia.Ebbene, il giudice del lavoro di Ragusa ha riconosciuto le ragioni di questa mamma e sancito il diritto del bambino a ricevere dall’ente pubblico il trattamento cognitivo-comportamentale secondo il metodo Aba fino agli undici anni.Ancora una volta quindi viene ribadito il diritto delle persone con autismo a ricevere le prestazioni che a loro spettano per legge e questo indipendentemente dai vincoli di bilancio ma secondo l’effettivo e personalissimo bisogno.Secondo il provvedimento, di cui sono riportati brevemente solo gli aspetti più salienti, “il Servizio Sanitario Nazionale garantisce alle persone con disturbo dello spettro autistico le prestazioni della cura e del trattamento individualizzato mediante l’impiego di metodi e strumenti basati sulle più avanzate evidenze scientifiche” (e tra questi non può non annoverarsi l’Aba). Tale assistenza socio-sanitaria è da considerarsi un Lea (Livello Essenziale di Assistenza) la cui erogazione “non può essere subordinata a vincoli di bilancio”, tanto più che la normativa regionale regolamenta le risorse da dedicare all’assistenza socio-sanitaria delle persone con autismo nel minimo e non nel massimo né prevede limiti d’età per la fruizione gratuita della terapia in questione.“Il provvedimento in favore della nostra socia – dicono dall’Anffas Modica – non è il primo che muove in questa direzione e, probabilmente, non sarà nemmeno l’ultimo; il nostro augurio come Anffas è che i provvedimenti giudiziari, sempre più numerosi, non segnino solo la “vittoria” della singola famiglia o del singolo minore ma che aprano la strada ad un riconoscimento generalizzato di un diritto per tutti”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA