Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

Attualità

Nomine Sanità, il sindaco di Pozzallo Ammatuna: “Rischiamo di precipitare in qualche retrobottega di cuffariana memoria”

Il primo cittadino non perde l'occasione, poi, per indirizzare un'altra bordata all'indirizzo dell'attuale manager dell'Asp di Ragusa

Di Redazione |

Nella giornata di domani la 1^ Commissione dell’Ars dovrà verificare e convalidare le nomine dei manager della sanità nelle Asp. E il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna (nella foto), non perde l’occasione per indirizzare un’altra bordata nei confronti dell’attuale commissario straordinario dell’Asp di Ragusa. “Dovrà essere verificata e convalidata – sottolinea in una nota – anche l’indicazione dell’imbarazzante situazione in cui si viene a trovare il dr. Giuseppe Drago, indicato come direttore generale dell’Asp di Ragusa, perché questi e’ parte e controparte in un processo che vede la stessa Asp, che lui dovrebbe dirigere, parte civile in un processo in cui  è imputato. Si spera che i deputati della 1^ Commissione facciano un lavoro serio e rigoroso nella scelta dei nomi di chi deve gestire la sanità nella nostra isola. La salute e la vita sono il bene supremo ed è assolutamente indispensabile che in questo settore così delicato, siano indicati professionisti di grande qualità”.

“Non si può non sottolineare inoltre, l’enorme massa di danaro (più di 10 miliardi di euro) – continua Ammatuna – che è il costo del finanziamento del servizio sanitario regionale che presuppone, da parte di chi lo gestisce non solo capacità, ma anche grande rigore morale, visti i numerosi scandali che hanno colpito la sanità siciliana nel passato. Purtroppo la rigida lottizzazione e la spartizione delle poltrone è prevalsa ancora una volta sull’interesse generale. Sembra essere tornati ad una visione angusta e pericolosa nella gestione della sanità considerata purtroppo, ancora una volta, come un formidabile pascolo elettorale e clientelare. La speranza è quella di non precipitare in qualche retrobottega di cuffariana memoria”.   COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA