Notizie Locali


SEZIONI
Catania 32°

Società

Scicli, “Niente da vedere” nei bassi del palazzo Beneventano

Sarà inaugurata l'8 marzo un'affascinante esposizione che intesserà un dialogo tra diverse epoche e lo farà sul filo conduttore dell'arte contemporanea

Di Redazione |

Venerdì 8 marzo i bassi del maestoso Palazzo Beneventano di Scicli apriranno le porte a un’affascinante esposizione che, come un ponte tra passato e presente, intesserà un dialogo tra diverse epoche e lo farà sul filo conduttore dell’arte contemporanea. A cura di “Lo Magno artecontemporanea”, la mostra “Niente da vedere” si inserisce nella complessa identità di questo storico edificio riconosciuto patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, un luogo unico e suggestivo che, fuso di stili ed epoche, testimonia la ricchezza della sua storia.

Fucina di bellezza e arte, denso di meraviglie da osservare e vivere, il titolo “Niente da vedere” vuole proprio essere un’ironica dichiarazione sulle molteplici sfaccettature di questo luogo, una dichiarazione che si svela nel connubio tra il racconto che di sé fa il progetto artistico “Bassi Beneventano” e l’arte contemporanea esposta, e che porta la firma degli artisti Simphiwe Buthelezi, Andrea Cerruto, Giuseppe Colombo, Ignazio Cusimano Schifano, Emanuele Giuffrida, Giovanni Iudice (nella foto una delle sue opere), Rossana Taormina, Ivan Terranova, Samantha Torrisi, Giovanni Viola e William Marc Zanghi. Gli stessi saranno anche i protagonisti dei progetti “Lo Magno artecontemporanea” che, nel biennio ’24-’25 , con le loro opere contribuiranno a creare un affascinante “trailer” di risorse e collaborazioni della galleria. Quello proposto durante la mostra sarà un viaggio artistico che inizierà con uno scenario visivo unico, l’esterno del prestigioso edificio che affascina con i suoi esterni tardo barocchi, mascheroni, teste di saraceni e decorazioni sontuose.

Il viaggio proseguirà internamente, attraverso i soffitti che rivelano affreschi che narrano il periodo fascista, quando i bassi del palazzo divennero il cuore amministrativo della città di Scicli. Sarà poi la bellezza delle opere presentate l’anello di congiunzione che, fuori dagli schemi, darà senso al tempo. Ognuno degli undici artisti in mostra porterà il proprio linguaggio artistico e la propria visione unica. Pitture e tessuti lavorati e ricamati, installazioni fotografiche e manufatti realizzati con materiali provenienti da terre lontane, saranno tutti tasselli di una narrazione visiva che attraverso l’opera presentata si fonderà armoniosamente con la storia di Palazzo Beneventano che da quasi un anno ospita il progetto artistico “Bassi Beneventano” nato dall’unione di intenti tra la galleria d’arte Lo Magno e la stamperia d’arte Amenta.

“Niente da vedere” è apparenza e sostanza; è forma e colore; è passato e presente; è stasi e movimento. Celebra l’estetica contemporanea ma sottolinea l’importanza di preservare e valorizzare il patrimonio storico e architettonico dei luoghi che sono memoria e cuore di una città. È una vetrina per gli artisti, ma anche un’occasione per esplorare la bellezza intramontabile di un luogo che custodisce gelosamente infiniti significati e continua a ispirare e a raccontare la sua storia anche attraverso l’arte contemporanea. Apertura venerdì 8 marzo alle ore 19.00. L’esposizione sarà visitabile fino a domenica 14 aprile 2024 ed è ospitata presso Bassi Beneventano a Scicli (Rg), in Piazzetta Ficili,1. Sponsor Ghibli. Si ringraziano Marina Mottin e la SMAC gallery di CapeTown per il prezioso apporto.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA