Notizie Locali


SEZIONI
Catania 12°

Attualità

Vittoria, il monito di Fare Verde: “Spazzatura abbandonata ovunque, così non ne usciamo più”

L'associazione ambientalista non ci sta e chiama le istituzioni alle proprie responsabilità

Di Redazione |

“Semplicemente facendo  un’uscita fuori città, a qualsiasi latitudine e longitudine del territorio comunale di Vittoria, il paesaggio è costellato da decine di micro e macro discariche abusive”. Lo sostiene in una nota l’associazione ambientalista Fare Verde. “Parliamo di discariche aziendali – chiariscono gli ambientalisti – con materiale edile di ogni genere e tipo, di materiale agricolo, di spazzatura domestica e tanto altro con una profanazione dell’ambiente da parte di decine di cittadini  barbari che, con premeditazione e persistenza, violano la legge dello Stato e gli elementari principi di civiltà. A nulla valgono le continue bonifiche con spese ulteriori a carico di tutta la collettività, a nulla valgono le attuali campagne di sensibilizzazione o i controlli repressivi. E’ evidente che la differenziata in città deve necessariamente migliorare, così non funziona. Non possiamo accettare questo stato di fatto senza  non dover cercare altre immediate soluzioni”.

“La soglia dell’indignazione su questo tappeto di rifiuti – prosegue Fare Verde – che vergognosamente decora le nostre campagne deve alzarsi vigoroso e partecipato da tutti quelli chi hanno a cuore questa città, non può essere la normalità questo degrado e non prevalga rassegnazione e  assuefazione”.

Fare Verde lancia un appello accorato ai cittadini che rivedano i propri comportamenti, “ai nostri amministratori che non sottovalutino la grave problematica di inciviltà diffusa, tolleranza zero. Necessitano campagne massicce di educazione ambientale, indispensabile una tariffazione puntuale sulla tassa dei rifiuti che premi chi differenzia correttamente e bollare severamente in modo incondizionato qualunque comportamento anche minimo di coloro che continuano selvaggiamente ad insudiciare la nostra città ed il nostro futuro”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA