Notizie locali
Pubblicità

Sicilians

Davide Martello, il pianista che suona al confine per dare il benvenuto ai profughi

Tedesco, ma siciliano di origine, il musicista ha trasportato il suo piano al confine tra la Germania e la Polonia

Di Redazione

Il suono della musica contro il rumore delle bombe. Per promuovere la pace e dare un pò di serenità a chi fugge dalla guerra. Il pianista Davide Martello, tedesco di origine siciliana, 40 anni, è andato al confine tra Germania e Polonia trainando il suo pianoforte su un rimorchio a due ruote: la sua missione è quella di suonare per tutti i rifugiati della guerra tra Russia e Ucraina che stanno cercando di raggiungere i Paesi dell’Unione Europea. Una missione che il musicista ha preso a cuore e che in passato lo ha portato anche in altre esibizioni di solidarietà a Istanbul, Parigi e Kiev. 

Pubblicità

 

 

Al confine tedesco-polacco, Davide si è messo al pianoforte per accogliere i rifugiati ucraini con la musica, soprattutto donne e bambini. Il video con la sua esibizione ha fatto il giro del web e in uno di questi una profuga si avvicina al pianista itinerante mettendosi al pianoforte per suonare 'We are the champions' dei Queen. Martello non è nuovo a questo tipo di iniziative. Nel 2013 andò a Istanbul e con il suo pianoforte incantò Gezi Park, la sera prima dello sgombero voluto dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Centinaia di persone, poliziotti compresi, si fermarono ad ascoltare le note suonate dal pianista: 'Imaginè e 'Let it bè, ma anche 'Bella Ciaò. Il musicista suonò per 12 ore di fila, fino a quando i poliziotti non portarono via il suo piano e lui divenne l’eroe di piazza Taksim. 

Si ripeté un anno dopo, nell’aprile del 2014, durante la rivoluzione di Maidan e la guerra civile nel Donetsk. E ancora, fu vicino ai francesi dopo gli attentati di Parigi del 2015 portando il suo pianoforte in uno dei luoghi simbolo della tragedia: il teatro Bataclan, dove ancora una volta suonò 'Imaginè di John Lennon, commuovendo tutti. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA