Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Augusta, incidente sul lavoro: operaio gravemente ustionato

Di Redazione

Incidente sul lavoro nella zona industriale siracusana. Un operaio della Coemi srl, presso una sottostazione elettrica dello stabilimento Sonatrach di Augusta, è rimasto ustionato gravemente ma fortunatamente non è in pericolo di vita. Come riferito dai segretari provinciali Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm Uil, Angelo Sardella, Antonio Recano, Giorgio Miozzi il "lavoratore coinvolto nell’incidente dopo essere stato soccorso dal personale interno è stato trasportato per le cure all’ospedale di Augusta. In questi mesi il petrolchimico sta vivendo un momento di incertezza e tensione che inevitabilmente pesa anche sulle condizioni di sicurezza e salute dei lavoratori. Occorre incrementare i controlli da parte delle istituzioni, realizzare strutture territoriali che esercitino una costante azione di monitoraggio e denuncia, occorre esercitare ognuno il proprio ruolo con coerenza e fermezza». 

Pubblicità

 Chiede l’istituzione di una task force con l’obiettivo di "verificare il rispetto di tutte le norme e le procedure legate alla sicurezza sul lavoro» Marco Faranda, segretario generale Fismic Confsal di Siracusa. «L'operaio ha riportato ustioni a mani e ginocchia e solo per puro caso oggi non stiamo parlando di un incidente mortale - dice Faranda -, chiediamo che si chiarisca rapidamente cosa sia successo per accertare eventuali responsabilità e verificare se, come previsto dalle regole interne dell’azienda, l’operaio ferito, assunto da pochi giorni, fosse affiancato da un tutor esperto. Non possiamo accettare che questi episodi continuino a ripetersi all’interno degli stabilimenti della zona industriale né si può costantemente andare dietro a questi incidenti senza mai mettere in atto delle contromisure. Come sindacato chiediamo nuovamente con forza l'istituzione di una task force che coinvolga i sindacati, l'Asp, l’ispettorato del lavoro, gli industriali e che sia coordinata dalla Prefettura».
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: