Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Emergenza rifiuti, a Siracusa domani sospesa la raccolta dell'indifferenziato

Il servizio Igiene urbana del Comune aretuseo lo ha comunicato ai cittadini per la scarsa capacità ricettiva della discarica di Lentini

Di Massimiliano Torneo

L'emergenza rifiuti dovuta alla sempre più scarsa capacità ricettiva della discarica di Lentini, costringe l'amministrazione comunale di Siracusa a bloccare la raccolta del rifiuto indifferenziato per domani. Il servizio Igiene urbana del Comune aretuseo lo ha comunicato ai cittadini: nella giornata di domani (giovedì 2 giugno), a causa dei limiti ai conferimenti comunicati dall'impianto di Lentini di proprietà della Sicula Trasporti, non sarà possibile effettuare la raccolta della frazione indifferenziata dei rifiuti prodotti dalle utenze domestiche.

Pubblicità

L’invito alla cittadinanza, perciò, è di non esporre il rifiuto indifferenziato né stasera (mercoledì 1 giugno) né domattina (giovedì 2).

"Gli uffici comunali – ha detto l’assessore ai Rifiuti, Andrea Buccheri – assicurano il massimo sforzo per diminuire i disagi alle famiglie non dovuti alla volontà della nostra amministrazione, ma alla cronica insufficienza di impianti regionali in cui conferire i rifiuti".

Com'è noto, da un anno la capacità di ricezione dell'impianto di Lentini, nel quale conferisce un totale di 174 comuni delle province di Messina, Catania e Siracusa, è diminuita per via della imminente saturazione della vasca che riceve l'indifferenziato. Insieme con la Regione per qualche mese gli amministratori del sito hanno trovato il modo di conferire altrove, dopo aver trattato in loco il rifiuto (discariche di Motta, Gela e Siculiana). Ma adesso quelle capacità sono andate a esaurirsi. E a Lentini la capacità di ricezione è scesa da 1200 tonnellate al giorno a 500. Molto mezzi sono in fila davanti alla discarica. Per impedire, dunque, che rimanga rifiuto per strada il Comune di Siracusa ha bloccato la raccolta dell'indifferenziato per domani. È una situazione generale esplosiva cui hanno contribuito tutti gli enti. La Srr (Società per la regolamentazione dei rifiuti, costituita dai sindaci del territorio), che avrebbe dovuto realizzare gli impianti, qui è commissariata. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA