Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Giallo di Pasqua a Siracusa: autopsia sulla donna danese trovata morta in casa

Gli investigatori hanno anche sequestrato e stanno visionando tutti i filmati delle telecamere di zona per ricostruire i suoi movimenti

Di Francesco Nania

Sarà l’autopsia a stabilire le cause della morte della donna di origini danesi, il cui cadavere è stato ritrovato dai carabinieri nella sua abitazione in Ortigia. Ad eseguirla sarà il medico legale Maria Francesca Ber-lich, intervenuta nel pomeriggio di domenica sul posto per una prima ispezione cadaverica. Gli investigatori, coordinati dal sostituto procuratore Chiara Vedovato, sono intervenuti nell’abitazione di via del Mercato, dove la donna di 56 anni viveva da sola. Non ricevendo alcuna risposta dall’inquilina dell’immobile, hanno dovuto fare intervenire una squadra dei vigili del fuoco per aprire il portoncino.

Pubblicità

Una volta entrati, si è presentato agli occhi dei carabinieri, il corpo ormai inerme della malcapitata, riverso sul pavimento, con diverse tumefazioni al volto e rivoli di sangue sul pavimento, derivante da una ferita profonda al capo. I carabinieri hanno ricevuto la segnalazione dei parenti della donna, che l’aspettavano a Firenze per trascorrere la Pasqua insieme.

Nel corso di questa prima fase delle indagini, i carabinieri hanno appurato che la vittima soffrisse di crisi neurologiche per cui è probabile che possa avere perso i sensi ed essere, quindi, precipitata dalle scaledi casa, forse nel tentativo di farsi aiutare da qualcuno. Gli inquirenti, però, non escludono altre ipotesi, partendo dal fatto che la porta di casa fosse chiusa dall’esterno. Se così fosse, si tratterebbe di un giallo di Pasqua.

I vicini di casa e i conoscenti della donna sono stati sentiti a lungo dagli investigatori per ricostruire le ultime ore di vita della donna e per comprendere le sue abitudini. La donna si era trasferita in Ortigia da qualche anno, dopo essere venuta in vacanza ed essersi innamorata di Siracusa. Gli investigatori hanno sequestrato e stanno visionando tutti i filmati delle telecamere di zona per ricostruire in dettaglio i suoi movimenti ed escludere che qualcuno possa averla avvicinata per aggredirla.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA