Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Siracusa, sfuma il sogno: Capitale della cultura 2024 è Pesaro.

Di Massimiliano Torneo

“È come per gli Oscar, dovete fregiarvi anche di essere stati finalisti”, le parole del ministro della Cultura, Dario Franceschini, sono il premio di consolazione per le 9 città, tra cui Siracusa, che sono arrivate a un soffio dal titolo ma lo hanno solo sfiorato.

Pubblicità

Capitale della cultura 2024 è infatti Pesaro: la proclamazione stamattina, 16 marzo, in diretta streaming dalla Sala Spadolini del ministero della Cultura. A freddo, dopo qualche ora, la reazione del sindaco di Siracusa, Francesco Italia, e dell’assessore alla Cultura Fabio Granata, entrambi presenti a Roma. Più piccato quest’ultimo si è detto “dispiaciuto, ma non sorpreso poiché conosco i criteri “geo-politici” che vengono applicati fin dalla prima edizione”. Dal sindaco i “complimenti a Pesaro e al sindaco Ricci per il risultato raggiunto.

Confesso – ha aggiunto Italia - dì aver sperato di trovarmi al suo posto ma quel pizzico di inevitabile delusione non può farci perdere di vista l’ottimo lavoro fatto per la preparazione della candidatura e la grande partecipazione che ha portato alla redazione dei progetti proposti: saranno le fondamenta di scelte culturali e urbanistiche che la città dovrà adottare nei prossimi anni”.

Già venerdì i due hanno convocato l’assemblea del Comitato promotore “per iniziare a programmare i passi successivi“ per realizzare quanto descritto nel dossier di candidatura. “Siamo comunque soddisfatti – ha concluso Italia - oltre alla grande visibilità è stata una sfida che ha acceso i riflettori sulle prospettive e sulle innegabili ulteriori potenzialità della città che, anche per questo, è entrata nel novero della dieci finaliste”. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA