Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Tribunale del Riesame: Alessio Attanasio resta in carcere a Nuoro

Rigettata la richiesta della difesa del presunto boss siracusano

Di Francesco Nania

Il tribunale del riesame di Catania ha rigettato la richiesta della difesa del presunto boss Alessio Attanasio di revocare l’ordinanza di custodia cautelare con cui il giudice per le udienze preliminari del tribunale etneo ne ha disposto un nuovo arresto con la traduzione in carcere. I giudici in sostanza hanno preso 45 giorni di tempo per il deposito delle motivazioni, lo studio delle quali, consentirà ai legali difensori di Attanasio, gli avvocati Licinio La Terra Albanelli e Maria Teresa Pintus, di proporre ricorso da presentare alla Corte di Cassazione. Alla luce della conferma della misura cautelare in carcere, Attanasio, che fino a qualche giorno fa si trovava detenuto nella casa di reclusione di Bicocca, è stato trasferito al carcere di Nuoro in Sardegna dove si trovava prima della sua remissione in libertà. Libertà che è durata, quindi, appena otto giorni dopo 21 anni di detenzione in diversi istituti di pena della Penisola anche in regime di 41 bis. La difesa che aveva incentrato il ricorso sulla non attualità della pericolosità sociale di Alessio Attanasio e sull’impossibilità di reiterazione del reato, atteso che il giudice per le udienze preliminari gli abbia inflitto la condanna a 30 anni di reclusione, nello scorso mese di gennaio, per l’omicidio di Pippo Romano, avvenuto nel marzo del 2001. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: