Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Turano incontra Giorgetti: “Dichiarazione di “Area di crisi” del Polo di Siracusa non del tutto archiviata”

Di Massimiliano Torneo

“La dichiarazione di Area di crisi complessa per il petrolchimico siracusano non è stata definitivamente archiviata e resta una via percorribile”. È emersa la necessità “di un confronto permanente per monitorare la situazione e per elaborare strategie adeguate alle mutevoli condizioni geopolitiche ed economiche”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turano, oggi giovedì 14 luglio, dopo l’incontro a Roma con il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti avuto insieme con la delegazione politica siciliana composta dal segretario regionale della Lega Nino Minardo, dagli esponenti siracusani di Prima l’Italia, Enzo Vinciullo e il deputato regionale Giovanni Cafeo, dal sindaco di Priolo Pippo Gianni e dal direttore generale dell’assessorato, Carmelo Frittitta. È arrivata dunque la conferma che la bocciatura del dossier per la dichiarazione di Area di crisi industriale complessa del petrolchimico siracusano, status che permetterebbe investimenti pubblico-privati di riconversione energetica, con un piano, già stilato, da 3 miliardi, è stata decisa dal Mise su parametri aggiornati alla presentazione della richiesta, ossia fine 2021. Sono passati pochi mesi, ma lo scenario è mutato e a quella condizione originaria di difficoltà si sono aggiunte altre ragioni di crisi (non ultime l’effetto boomerang delle sanzioni che stanno mettendo ko Isab-Lukoil), che permetterebbero dunque una rivalutazione del dossier. “Ci sono tutte le condizioni per avviare una positiva sinergia tra Regione siciliana e Mise sulle iniziative per tutelare il petrolchimico siracusano - ha aggiunto l’assessore Turano – e tutto il comparto industriale dell’Isola. Avere l’attenzione e l’impegno del Mise e del ministro Giorgetti – ha detto ancora, fatta salva la variabile “crisi di governo” - su un dossier tanto delicato come quello del petrolchimico di Siracusa è sicuramente un ottimo punto di partenza che è stato possibile raggiungere grazie anche all’impegno dell’onorevole Nino Minardo. Ho chiesto al ministro – ha concluso l’assessore Turano - pari impegno per Termini Imerese e Gela che attendono ancora il rinnovo dell’accordo di programma”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA