Notizie Locali


SEZIONI
Catania 23°

Siracusa

Siracusa, i carabinieri lo fermano e lui confessa: «Sì, la cocaina è nell’auto»

Di Redazione |

Sulla sua auto aveva oltre tre chili di cocaina. In manette è finito Vincenzo Davì, operaio incensurato siracusano di 42 anni che è stato dfermato per un controllo dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Siracusa incensurato. I militari stavano effettuando un servizio di pattuglia in borghese all’ingresso di Siracusa quando hanno notato una Volkswagen Golf, procedere a gran velocità nel traffico intenso, superando pericolosamente le altre vetture incolonnate nel traffico. I militari hanno quindi deciso di fermare la vettura e sottoporre il conducente ad un controllo di routine, per identificarlo.

Appena sceso dalla vettura però il soggetto ha mostrato un curioso atteggiamento di rassegnazione, dichiarando agli operanti che quello che cercavano era “all’interno della macchina”. E infatti all’interno della vettura, racchiusi in una busta di carta, hanno trovato delle grosse confezioni sigillate contenenti cocaina, poi quantificata il 3,310 kg, che l’uomo stava trasportando. Le attività si sono quindi estese anche all’abitazione dell’uomo, dove è stato sequestrato denaro contante e vario materiale atto al confezionamento. L’operaio è stato subito arrestato per traffico illecito di sostanze stupefacenti ed è stato condotto nel carcere di Siracusa.

Il sequestro effettuato è uno dei più ingenti mai operati nella città di Siracusa e si stima che la droga, una volta tagliata ed immessa sul mercato, avrebbe fruttato agli spacciatori almeno 350 mila euro.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA