Notizie locali
Pubblicità

Società

Il vescovo di Noto ai bambini: «Babbo Natale non esiste!». E scoppia la polemica

Mons. Staglianò: «I piccoli sanno bene che è il papà o lo zio. E la Coca Cola ne usa l'immagine per associarsi a valori positivi»

Di Redazione

«Babbo Natale non esiste e la Coca Cola - ma non solo - ne usa l’immagine per accreditarsi come portatrice di valori sani». Antonio Staglianò, vescovo della Diocesi di Noto, cantautore per diletto, sorprende tutti nella basilica del SS. Salvatore a Noto, al termine di una partecipata manifestazione, il festival delle «Arti Effimere», che nella cittadina barocca ha richiamato alunni di tutte le età.

Pubblicità

Il clou dell’evento è stata la rievocazione dell’arrivo di San Nicola a cavallo.  «No, Babbo Natale non esiste. Anzi, aggiungo che il rosso del vestito che indossa è stato scelto dalla Coca Cola esclusivamente per fini pubblicitari». Tra lo stupore di quanti lo stavano a sentire - piccoli e grandi - monsignor Staglianò si è soffermato su un tema molto caro ai bambini: le prossime festività natalizie.

Quelle parole hanno colto di sorpresa i più piccoli ma a generare la polemica, specialmente sui social, sono stati i grandi. Mons Staglianò ha provato a correggere il tiro: «Ho detto che Babbo Natale non è una persona storica come San Nicola da cui è stato tratto il personaggio immaginario - ha spiegato il vescovo noto anche per il suo amore per la musica -. Ho spronato i più giovani ad avere di Babbo Natale un’idea più incarnata per poter vivere meglio l’attesa e soprattutto lo scambio dei doni. Se Babbo Natale è San Nicola, i bambini dovrebbero aprirsi ad un sentimento di vicendevole aiuto, alla solidarietà dei doni verso i bimbi più poveri. Con tutto il rispetto per la casa produttrice della Coca Cola che si è inventata Babbo Natale - ha commentato Staglianò - il compito del vescovo è annunciare la carità evangelica, anche attraverso questi simboli della cultura popolare».

«È una via per fare poptheology e recuperare il senso vero della tradizione cristiana del Natale. Per il resto - ha concluso - i bimbi sanno che Babbo Natale è papà o lo zio. Quindi nessun sogno infranto». 

Parole che non sono bastate a placare gli animi di quanti pensano che il vescovo abbia così rubato un sogno ai più piccoli. Tant’è che la Diocesi è dovuta intervenire ancora per gettare acqua sul fuoco delle polemiche. «Esprimo anzitutto, a nome del vescovo, il dispiacere per questa dichiarazione che ha generato delusione nei più piccoli - ha affermato don Alessandro Paolino, il responsabile per le Comunicazioni sociali della diocesi di Noto, - volendo precisare che le intenzioni di monsignor Staglianò erano ben altre, quelle cioè di riflettere con maggiore consapevolezza sul senso del Natale e delle belle tradizioni che lo accompagnano».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: