Notizie locali
Pubblicità

Acqua

Un bene da rispettare e da proteggere

Alcuni consigli per ridurre, con piccoli gesti quotidiani, la nostra impronta idrica sul pianeta

Di Redazione

E’ fondamentale che tutti imparino a risparmiare acqua in casa per consentire che la velocità di prelievo non superi il tempo per la riproduzione e la crescita di una risorsa non inesauribile. E’ molto importante imparare a ridurre gli sprechi partendo dai piccoli gesti quotidiani per un consumo razionale e consapevole dell’acqua potabile. Ecco alcuni consigli da mettere in pratica ogni giorno per ridurre la nostra impronta idrica sul pianeta:
Chiudere i rubinetti mentre ci si lava i denti o ci si rade. Questa accortezza permette di risparmiare 6 litri d’acqua ogni minuto.
Diminuire il tempo della doccia. Bisogna tenere presente che ogni minuto passato nella doccia consuma dai 6 ai 10 litri d’acqua, pertanto è molto importante stare attenti al tempo che utilizziamo per lavarci.
Fare attenzione alla cassetta del water. Quelle tradizionali hanno una capacità di 12 litri ma i modelli in commercio permettono di scegliere tra un getto da 6 e uno da 12 a seconda delle necessità, per un risparmio idrico di circa 26.000 litri di acqua all’anno.
Preferire la doccia al bagno. Grazie a questa accortezza è possibile diminuire del 75% il consumo d’acqua.
Installare rubinetti areati. Consentono di risparmiare acqua pur mantenendo la stessa pressione e dimezzando i consumi.
Riparare i rubinetti che gocciolano. Con l’intervento di un idraulico in pochi minuti si può risolvere un problema che causa la perdita di 21.000 litri di acqua all’anno per ogni rubinetto.
Utilizzare l’acqua del deumidificatore o del condizionatore per il ferro da stiro.
Sostituire i vecchi elettrodomestici con modelli “Energy star”. Le nuove lavatrici e lavastoviglie consentono di risparmiare il 50% d’acqua.
Fare lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico. Questa accortezza comporterà un risparmio di elettricità e di diminuire i consumi d’acqua di 8200 litri all’anno.
Scongelare gli alimenti all’aria o in una bacinella. L’abitudine di lasciarli sotto l’acqua corrente spreca sei litri al minuto.
Riutilizzare l’acqua tolta dalla vasca dei pesci. Si può usare per annaffiare le piante in quanto è ricca di sostanze fertilizzanti.
Installare una vasca per la fitodepurazione in giardino. Con questo sistema un piccolo depuratore naturale dalle sembianze di una semplice aiuola filtrerà le acque nere e grigie per restituire risorse idriche da riutilizzare per l’irrigazione del giardino. Una pianta adatta a questo tipo di depurazione è la cannuccia di palude, che cresce grazie alle sostanze che sottrae alle acque sporche.
 Mettere una coperta galleggiante sulla piscina. Ricordandosi di coprire la piscina quando non si utilizza si rallenta l’evaporazione, permettendo di risparmiare da 1000 a 4000 litri d’acqua al mese.
Controllare il contatore. Permette di fare attenzione ai propri consumi.
Quando si parte chiudere il rubinetto centrale. Per evitare di sprecare acqua in caso di guasti agli impianti.
Imparare a risparmiare acqua si ripercuote positivamente sia sul budget familiare sia sul costo dello spreco di una risorsa che si sta esaurendo. Senz’acqua non si superano i 5 giorni di vita mentre senza cibo si può resistere anche settimane. Prodigarsi in qualsiasi modo per garantire ai nostri figli e nipoti la disponibilità di acqua necessaria per vivere è ormai essenziale.
 Veniamo quindi al dunque con una semplice domanda: quanta acqua consuma ogni giorno un Italiano? Ben 428 litri. Una quantità enorme se si pensa che più di 1 miliardo di persone nel mondo non arriva a disporre di 20-50 litri di acqua pulita al giorno, la quantità minima necessaria per soddisfare i bisogni primari, ovvero bere, cucinare e lavarsi. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: