Notizie locali
Pubblicità

Speciali

Irrinunciabili fritti antipasti di Natale

Di Redazione

Gli antipasti siciliani natalizi più golosi sono i fritti. In Sicilia il fritto è una preparazione che coinvolge tantissimi ingredienti: verdure, pesce, carne e naturalmente riso. L’arancino è il re dello street food siciliano anche se il suo nome non è mai lo stesso da una parte all’altra dell’Isola. Da Palermo ai luoghi che circondano le province di Trapani e Agrigento la polpetta di riso è femmina. Mentre lungo la costa Ionica, da Catania a Messina, l’arancino è maschio. Sì è vero, la sua preparazione è leggermente complicata, ma volete mettere la soddisfazione di realizzarne uno a casa piuttosto che acquistarlo già pronto? E poi, se lo si prepara in casa si può scegliere la farcitura desiderata: al ragù o alla norma e poi ancora, in bianco, broccoli e salsiccia, al pistacchio, al nero di seppia, tanto per citarne alcuni.
 Oltre all’arancino, un delizioso fritto da servire durante il pranzo natalizio è una specialità tutta messinese: il pidone. Anche per chiamare questa prelibatezza, esistono due modi: pidone e pitone.
 La particolarità del pidone è la sua iconica forma a mezzaluna e il suo ripieno ricco di ingredienti. Tra gli step principali della preparazione c’è la stesura dell’impasto: dev’essere sottilissimo. Una volta ottenuto, si stende sopra la farcia tradizionale a base di scarola, acciughe e tuma. Richiudere e friggere in abbondante olio caldo. Naturalmente anche per il pidone vale lo stesso discorso dell’arancino. Oltre al ripieno classico lo si può farcire in tanti altri modi come prosciutto e formaggio, pomodoro e mozzarella, funghi e philadelfia e tanto altro ancora.
 Il baccalà fritto è una prelibatezza siciliana tipica della zona tra Catania e Siracusa. La sua preparazione è semplice e viene servita durante il pranzo di Natale e per il cenone di San Silvestro.
Ad Augusta si utilizza un ingrediente in più: i pomodori secchi. Il primo step è lasciare il pesce in ammollo, in modo da ridurne il contenuto di sale e renderlo più morbido. Quindi si pongono i pomodori secchi a pezzettini in una ciotola assieme alla cipolletta fresca. Infine, si unisce il tutto e lo si passa nella pastella prima di friggerlo. Il risultato sono polpette dorate e croccanti.
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: