Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

"La sonnambula" sveglia l'omaggio a Bellini

Corposo e significativo il programma dell’evento che, nell’edizione n. XIV, ricorderà il grande compositore catanese a 221 dalla nascita portando in scena le sue opere dal 23 settembre al 3 novembre

Di Redazione

Immancabile come da tredici anni, torna anche quest’anno l’atteso Bellini Festival, la tradizionale kermesse che ogni anno dal 2009 rende omaggio a Vincenzo Bellini a Catania, sua città natale, toccando i luoghi storici dove il grande compositore mosse i suoi primi passi, partendo come da tradizione nel giorno in cui ricorre l’anniversario della sua morte, il 23 settembre, per poi concludersi il 3 novembre con il grande concerto al Duomo nel giorno in cui quest’anno ricorre il 221° anniversario dalla sua nascita. Fondato a Catania nel 2009 dal regista e scenografo Enrico Castiglione insieme all’allora Provincia di Catania, quest’anno il Bellini Festival giunge alla XIV edizione per offrire una nutrita serie di opere, concerti, spettacoli di danza e di teatro, mostre, incontri e tavole rotonde, nonché l’immancabile rassegna cinematografica, sempre attraverso le sue storiche sezioni: “Festival Belliniano”, “Bellini Opera Festival”, dedicate allo spettacolo dal vivo, “Bellini Renaissance”, dedicata all’approfondimento culturale e scientifico, e “Bellini International”, dedicata all’attività all’estero.

Pubblicità

La XIV edizione del Bellini Festival, promosso dalla Fondazione Festival Belliniano insieme al portale televisivo www.musicalia.tv, sarà inaugurato al Teatro Metropolitan e si svolgerà in vari luoghi della Città di Catania, dalla Badia di Sant’Agata a Palazzo Biscari, dalle chiese  al Teatro Metropolitan, per poi concludersi come da tradizione ultra decennale alla Cattedrale di Sant’Agata, il Duomo di Catania, dove riposano le spoglie mortali di Vincenzo Bellini, con il grande ultradecennale concerto celebrativo. Il Bellini Festival sarà dunque inaugurato quest’anno da una nuova produzione de “La Sonnambula”, opera considerata tra i capolavori assoluti di Vincenzo Bellini, messa in scena con un cast di prim’ordine, tra cui Laura Esposito e Matteo Falcier, con la regia, le scene e i costumi di Enrico Castiglione. Si tratta di un nuovo allestimento operistico che verrà messo in scena il 23 e 25 settembre al Teatro Metropolitan. Particolarmente nutrito sarà il calendario dei Concerti presso la Badia di Sant’Agata, proseguendo il 24 settembre, sempre alle ore 20, con Roberto Abbondanza e Angela Nisi nel Concerto dal titolo “Dolente immagine”, poi il 29 settembre con il Concerto “Allegretto” con il pianista Ruben Micieli alla scoperta della musica per pianoforte di Bellini, il 13 ottobre con il Concerto “Vaga luna” con il soprano Gonca Dogan e il tenore Filippo Micale in omaggio a Gioavnni Pacini, il 20 Ottobre con l’Orchestra da Camera La Scala nel Concerto “Lo splendore del Belcanto”, alternati con i concerti alla scoperta della musica sacra di Bellini “Laudamus Te” e “Virgam Virtutis” in varie chiese di Catania, con la partecipazione dell’organista Silvano Frontalini. 

L’opera torna in scena con Bianca e Fernando al Teatro Metropolinan il 29 ottobre, con il Coro e l’Orchestra del Festival Belliniano, allestimento e regia a sorpresa e i vincitori del Concorso Internazionale per Voci Liriche “Vincenzo Bellini”, quest’anno in programma a Catania nello stesso mese di ottobre con una giuria di prestigio internazionale. Come da tradizione il Concerto dei vincitori si svolgerà poi a Parigi, a Puteaux, al Theatre des Hautes-de-Seine per la sezione “Bellini International”. Il 3 novembre 2022, giorno del 221° anniversario della nascita di Vincenzo Bellini, doppio appuntamento: alle ore 17.30 il Concerto “Belliniana” alla Badia di Sant’Agata, e gran finale in serata alle ore 20 con il tradizionale Concerto Straordinario per il 221° anniversario della nascita di Vincenzo Bellini al Duomo, con ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili: ad esibirsi il Coro e l’Orchestra del Festival Belliniano con in programma musiche belliniane e come da tradizione star internazionali che saranno annunciate come sempre il giorno prima del Concerto per ovvi motivi di capienza. Inserita anche la programmazione della sezione “Bellini Renaissance”: si inizia il 23 settembre, alle ore 19 (e fino al 3 novembre), nei sontuosi saloni di Palazzo Biscari, con l’inaugurazione di una nuova mostra fotografica curata da Domenick Giliberto intitolata “Sulle sacre pietre: Norma a Taormina”, dedicata alla Norma di Bellini.

Sempre per la sezione “Bellini Renaissance” si svolgerà una serie di rare proiezioni di film e filmati vari in occasione dei Concerti alla Badia di Sant’Agata. Il programma prevede il 29 settembre, alla Badia di Sant’Agata, a seguire del Concerto, la proiezione del film di montaggio "Vi ravviso, o luoghi ameni" (2007), realizzato da Franco La Magna, contenente spezzoni di una trentina di film che fanno uso della musica di Bellini. Il 6 Ottobre sarà la volta di "Anni difficili" (1948), regia di Luigi Zampa. Il 13 ottobre, al termine del Concerto, sempre alla Badia di Sant’Agata, verrà proiettato il documentario "Nei luoghi del melodramma" (2005), regia e montaggio di Simone Pera. Il 20 ottobre, proiezione del film "Norma" (2005) per la regia di Boris Airapetian, secondo film-opera tratto dal capolavoro belliniano per eccellenza, interamente girato in Armenia ad Erevan, città natale del regista. Infine, il 27 ottobre, "Troppo tardi t'ho conosciuta" (1940), regia di Emanuele Caracciolo.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: