Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Addio a Donatella Raffai, volto storico di «Chi l'ha visto?» che aveva deciso di allontanarsi dalla tv

Lontana dagli schermi per sua scelta dal 2000 si è spenta a Roma dopo una lunga malattia, aveva 78 anni.

Di Redazione

Addio a Donatella Raffai, la conduttrice volto storico della trasmissione di maggior successo di Rai3, «Chi l’ha visto?» e dell’antesignano «Telefono Giallo» (con Corrado Augias), sempre sulla terza rete pubblica. Lontana dagli schermi per sua scelta dal 2000 si è spenta a Roma dopo una lunga malattia, aveva 78 anni. A darne notizia, il marito Sergio Maestranzi, ex regista Rai, che aveva sposato dopo una lunga convivenza di oltre 30 anni solo un anno fa, e due precedenti matrimoni. I funerali annuncia si svolgeranno domani a Roma alle ore 12,30 nella chiesa parrocchiale di via Flaminia vecchia (al civico 732) «la bara sarà esposta al pubblico in chiesa per mezz'ora prima della funzione».

Pubblicità

«Il nostro è stato un grande amore, Donatella è sempre stata una donna generosa, riservata, che aveva deciso a un certo punto di allontanarsi dalla tv e di dedicarsi alla vita privata, sono state dette tante cose, si è parlato di giallo, ma è tutto molto semplice, aveva dato e avuto tanto dal pubblico, voleva stare serena e lontano dai riflettori».

Donatella Raffai, marchigiana di origine (è nata a Fabriano l’8 settembre del 1943, in provincia di Ancona), ha vissuto gran parte della sua vita a Roma ma con il marito si spostava ogni per un periodo dell’anno nella sua casa in costa azzurra. Lascia due figli gemelli adulti, e i nipoti. Raffai era figlia dell’ammiraglio Antonio Raffai e di Maria Jelardi, entrambi di nobili famiglie. Donatella inizia la sua carriera a soli 16 anni nel mondo del cinema. Esordì infatti nel 1960, nel film «Dolci Inganni» del maestro Alberto Lattuada. Coniugata a 20 anni e in seguito divorziata, sposatasi in seconde nozze sul finire degli anni sessanta con il «re dei nightclub» Fabrizio Bogiankino nuovamente divorziata, prima di incontrare il grande amore Silvio Maestranzi che le resterà sempre accanto.

Verso la metà degli anni '60 inizia a lavorare nel settore discografico per la RCA come responsabile delle pubbliche relazioni e anche curatrice d’immagine di alcuni cantanti da Mia Martini a una giovanissima Nada, affiancandola poi nel suo debutto al Festival di Sanremo 1969. Nel suo curriculum anche il debutto di Claudio Baglioni, nel 1970, al fianco del quale comparve nel video promozionale di «Una favola blu». L'interesse per il giornalismo si trasforma in passione e dopo i primi passi approda in Rai nel 1971. Nel 1971 inizia a lavorare alla Rai dove conduce alcune trasmissioni radiofoniche (Voi e io, Radio anch’io, Chiamate Roma 3131), approdando poi in TV alla fine degli anni ottanta.

In Rai è autrice e conduttrice di varie trasmissioni di approfondimento giornalistico e di cronaca sulla terza rete allora diretta da Angelo Guglielmi, il periodo d’oro dell’ultima nata delle reti Rai. Donatella scrive e conduce «Telefono giallo» con Augias e mette la sua mano anche su «Filò», «Posto pubblico nel verde» e «Camice bianco». La consacrazione arriva nel 1989. A portare in vetta Donatella Raffai è la conduzione del programma «Chi l’ha visto?», assieme a Paolo Guzzanti (nella prima edizione del 1989) e a Luigi Di Majo (edizioni 1989-1990 e 1990-1991). Per questa nel 1990 la Raffai vince sia il Telegatto che l’Oscar tv come personaggio televisivo femminile dell’anno. Nel boom della cosiddetta tv utile, il programma raggiunge un apice di popolarità che resta tra i migliori risultati «storici» di Rai 3. Nell’autunno del 1991, decisa a intraprendere nuove sfide per la sua carriera lascia la conduzione del programma che aveva portato al successo  si dedica a Parte civile in prima serata su Rai 3, format di denuncia di ingiustizie verso i cittadini.

 

 

Nell’autunno del 1992 conduce sempre su Rai 3 il preserale 8262, rubrica quotidiana nata con l’obiettivo di fare da traino al TG3 delle 19. In seguito a ciò torna nel gennaio del 1993 alla conduzione di Chi l’ha visto?, che questa volta presenta da sola nella seconda parte della stagione 1992-1993 e poi nella successiva stagione 1993-1994, quest’ultima però non terminata (viene infatti sostituita nell’aprile 1994 da Giovanna Milella). Nel gennaio del 1995 approda su Rai 1 per condurre il talk show di seconda serata Anni d’infanzia, realizzato in coda ad un film su tematiche legate all’infanzia, trasmesso dalla rete nella stessa serata. Donatella Raffai lascia il suo segno ancora in Rai con «Lasciate un messaggio dopo il bip» e poi, tra il 1998 e il 1999, come inviata in alcune puntate di «Domenica in». Da segnalare che negli anni novanta Donatella Raffai è un personaggio popolarissimo tanto da essere imitata da Corrado Guzzanti nella trasmissione satirica Scusate l’interruzione e da molti altri comici. Partecipa nel 1998 al film La guerra degli Antò in un breve cameo nel ruolo di sé stessa, conduttrice di un’improbabile puntata di Chi l’ha visto?

. La sua ultima apparizione in Tv di Donatella Raffai sarà però a Mediaset, nel 2000, come conduttrice di «Giallo 4», format di Rete 4 concepito come un remake del Telefono giallo di Rai 3. Po il ritiro a vita privata. A proteggerla da un passato che ormai rifiutava, il marito Silvio Maestranzi. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA