Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Al Maxxi l'Italia raccontata dall'occhio di Berengo Gardin

L'omaggio al grande fotografo. La guerra? Sempre terribile

Di Redazione

ROMA, 03 MAG - "Sono contro la guerra anche perché l'ho vissuta". Al Maxxi per presentare la sua ultima mostra, omaggio del museo nazionale delle arti e delle architetture del XXI secolo alla sua lunga carriera di fotografo, Gianni Berengo Gardin non perde d'occhio un momento la sua Leica a pellicola, strumento di un mestiere che è ancora una passione senza mai pause. Attorno a lui quasi 200 stampe selezionate dalle curatrici Margherita Guccione e Alessandra Mauro nel suo immenso archivio restituiscono il racconto e le tante emozioni di una vita di impegno su mille fronti del sociale, "un viaggio nel tempo e nello spazio che racconta meglio di tanta saggistica la storia del lavoro italiano, le nostre tante città, le evoluzioni del costume", sottolinea accanto a lui la presidente Giovanna Melandri. Dal celeberrimo reportage nei manicomi che spinse e aiutò la Legge Basaglia alla vita nei campi nomadi, le mondine inchinate nelle risaie, gli operai sulle gru, il muso delle navi da crociera davanti a San Marco. Paesaggi, ritratti di intellettuali, interni che hanno fatto la storia come la stanzetta ordinata e un po' naif del bandito Giuliano o gli interni della casa di Gramsci a Oristano. Foto dopo foto, uno scatto dopo l'altro in questo allestimento che nel suo andamento ondulante riproduce il Canal Grande della sua adorata Venezia, viene fuori un ritratto d'Italia lungo 60 anni. Gli chiedono della guerra. La guerra no, risponde dall'alto dei suoi 92 anni magnificamente portati, la guerra non l'ho mai fotografata. E però quello del fotografo di guerra "è un lavoro importante e rischioso - sottolinea - i fotografi in guerra rischiano la vita, in quella che si sta combattendo in Ucraina ancora di più perché i russi non hanno rispetto dei civili e neppure di chi porta il giubbotto con la scritta press". Con il digitale poi, e soprattutto il photoshop, il falso oggi, anche nelle foto di guerra è in agguato "le foto sicuramente vere sono quelle fatte dal satellite". Ma resta che la guerra, ogni guerra "è terribile, questa anche più delle altre". Lui la Russia l'ha conosciuta, fotografata, anche amata "e posso dire che i russi sono una cosa, Putin un'altra, spero se ne liberino presto".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA