Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Alessio Boni a Catania sulle tracce di Vincenzo Bellini (per Rai2)

Il popolare attore in città per le riprese di una puntata di “Italia all’opera” che dovrebbe andare in onda il 6 novembre su Rai2 in seconda serata e dedicata al Cigno etneo

Di Ombretta Grasso 

Si ascolta Bellini, si vedrà la sua Catania. Nera di lava, tormentata dai terremoti, bagnata dal mare, splendida nei suoi ricami barocchi. Un’immersione nella musica e nella bellezza della città ai piedi dell’Etna. 
A scoprirla sulle note del Cigno etneo sarà l’attore Alessio Boni, nei giorni scorsi a Catania per le riprese di una puntata di “Italia all’opera” che dovrebbe andare in onda il 6 novembre su Rai2 in seconda serata. Boni “interpreta” Bellini e si muove nella sua città mostrando i luoghi della sua vita ma non solo. Le riprese sono state fatte al Duomo, che custodisce le spoglie del musicista, al Teatro Massimo, al Monastero dei Benedettini, al Teatro greco romano, a Palazzo Biscari, in via Crociferi. E altre immagini sono state girate a San Giovanni li Cuti.

Pubblicità

 

 


Il programma, della durata di circa un’ora è costruito intorno alla figura del compositore e della “Norma”, di cui si vedranno alcuni brani, andata in scena lo scorso 23 settembre con grande successo al Bellini (all’interno del “Tributo a Vincenzo Bellini” promosso dalla Regione Siciliana), con la regia di Davide Livermore e la direzione di Fabrizio Maria Carminati, trasmessa in diretta su Rai5. 
Boni, l’inquieto e indimenticabile Matteo de “La meglio gioventù”, che in tv è stato, tra i tanti ruoli, Caravaggio, Bonatti e il severo direttore de “La compagnia del Cigno”, a novembre sarà nel cast di “ Yara” su Netflix, mentre in palcoscenico sta portando la sua versione/visione di “Don Chisciotte”, con a fianco, nel ruolo del fido scudiero Sancho Panza, Serra Yilmaz.
Con il suo sguardo liquido, la voce magnetica e la sua sensibilità, Boni-Bellini, costruisce un percorso in note e nel contempo un’immagine della città e di alcuni dei suoi luoghi più affascinanti. «Una bellissima occasione di visibilità per il nostro teatro di cui è protagonista Vincenzo Bellini, genio indiscusso a livello mondiale - commenta il sovrintendente Giovanni Cultrera - L’allestimento di “Noma” che accompagnerà le immagini, firmata da uno dei registi più richiesti e innovativi, è stata una grande vetrina per il Bellini. Sarà emozionante ripercorrere i passi, le impronte, del compositore, riviverle grazie a un grande attore come Boni e a una grande produzione Rai».
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA