Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Bob Wilson "riscrive" Kipling: «Il mio "Jungle Book" è un inno alla tolleranza»

Il regista texano che in Sicilia portò diversi spettacoli negli anni Novanta per il Festival di Palermo sul Novecento e che ha di recente selezionato allievi della scuola del Biondo per “L’Inferno” di Dante

Di Maria Lombardo

«Molti miei lavori s’ispirano al mondo degli animali. Ho imparato molto osservando gli uccelli sui rami, il mio gatto che ogni giorno compie gli stessi rituali»: così Bob Wilson nel presentare “Jungle book” (Il libro della giungla) da Kipling che la sua fantasia visionaria porta in scena dal 3 al 6 febbraio al Teatro La Pergola di Firenze.

Pubblicità

Quanto l’ha ispirata lo storico film Disney?

“Walt Disney è stato uno dei più grandi artisti. Il mio spettacolo però è molto personale. Anche Andy Warhol ammirava Disney ma non tutti i miei colleghi”.

 

 

Il texano visionario che in Sicilia portò diversi spettacoli negli anni Novanta per il Festival di Palermo sul Novecento e che ha di recente selezionato allievi della scuola del Biondo per “L’Inferno” di Dante (progetto fra Palermo e Firenze), unisce le proprie invenzioni a quelle del surreale duo folk CocoRosie per questo lavoro in francese con canzoni in inglese e sottotitoli in italiano fra Théâtre de la Ville di Parigi e La Pergola di Firenze (l’anteprima mondiale il 26 aprile 2019) bloccato per oltre due anni dal Covid.

Giovani musicisti / interpreti abitano gli splendidi paesaggi di Wilson e il suono delle CocoRosie in una sensazionale produzione di teatro musicale. Attori di colore sono elefanti e zebre, si balla e si canta in un intreccio di generi musicali.

Trova Kipling attuale?

“Nella misura in cui dobbiamo preoccuparci per l’ambiente e per la sorte degli animali”.

Genio assoluto, il più grande regista vivente, Wilson ha portato in scena in precedenza “Alice nel Paese delle meraviglie”, Peter Pan, le favole di La Fontaine.

“Gli animali sono presenti – dice Wilson - in tutte le mie produzioni sin dal ‘68. Sono cresciuto fra gli animali in Texas. Mio padre mi portava a caccia di cervi ma io non volevo sparare. Sognavo di essere un cervo”.

Bob Wilson – ricorda Riccardo Ventrella responsabile sezione internazionale del Teatro della Toscana - ha già portato a La Pergola di Firenze col teatro di Parigi, uno spettacolo con Isabelle Huppert. Questa è Europa.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA