Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Cinema, l'assessore Messina: «Divieto di vendita cibi e bevande è colpo di grazia»

Secondo l'espondente del governo regionale «il provvedimento nel pieno dell’attività natalizia mette in ginocchio gli imprenditori»

Di Redazione

«Se il governo nazionale intende avviare le sale cinematografiche alla definitiva chiusura, lo dica apertamente, anche perché gli ultimi provvedimenti rischiano di dare il colpo finale alle imprese». Lo dice Manlio Messina, assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, intervenendo sul divieto di consumo di cibi e bevande all’interno delle sale cinematografiche, inserito nell’ultimo decreto del governo. 

Pubblicità

«Gli imprenditori, che sul cinema basano la loro vita, hanno più volte dimostrato - aggiunge Messina - di sapersi ben organizzare in tema di sicurezza anti-Covid e di contrasto al virus. Perché penalizzare ulteriormente i cinema senza intraprendere un confronto coi rappresentanti di categoria? Si proibisce la vendita di cibo e bevande in questi luoghi, mentre bar, ristoranti e pub continuano a lavorare». 

 «Le imprese del cinema - spiega Messina - hanno ridotto la capienza dei locali al 50%, hanno garantito un valido sistema di continuo riciclo dell’aria con l’obbligo di indossare la mascherina, tanto che è stato concesso di ospitare il 100% di spettatori all’interno delle sale. Oggi un provvedimento nel pieno dell’attività natalizia mette in ginocchio gli imprenditori, ai quali va la mia solidarietà, con il conseguente crollo degli incassi e il probabile licenziamento del personale. Per queste ragioni, interverremo in tutte le sedi opportune per fare pressione affinché si possano aiutare le sale cinematografiche con i giusti ristori».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: