Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Downton Abbey e i segreti di Maggie Smith, prosegue la saga

Dal 28 in sala Una nuova era. Fellowes, puro intrattenimento

Di Redazione

ROMA, 26 APR - C'è qualcosa di rassicurante che il gruppo di nobili e maggiordomi che abita il castello vittoriano di Highclere nell'Hampshire, a meno di un'ora da Londra, riesce a comunicare, che sia la serie cult o la versione cinema - Downton Abbey 2: Una nuova era arriva in sala dal 28 aprile con Universal - e non è solo per la veduta magnifica della campagna inglese o per quella biblioteca immensa o per il trucco e parrucco che ci riportano alla fine degli anni Venti. C'è un mix di sentimenti e ironia, di alto e basso, allegria e tristezza, buon gusto, educazione, non senza umanissimi intrighi e sotterfugi, c'è sempre equilibrio e nel fondo una sorta di modello di convivenza civile che oggi più che mai ci sembra meta irraggiungibile. E' il tocco magico di Julian Fellowes, l'ideatore del mondo Downton Abbey (dal romanzo di Julian Snobs), che da poco ha regalato agli spettatori un'altra period serie, The Gilded Age di cui si prepara già la seconda stagione dopo il successo della prima (in Italia l'ha trasmessa Sky). Fellowes è qui di nuovo in pista nell'atteso secondo film dedicato al mitico clan allargato dei Grantham con la regia di Simon Curtis. Dice Fellowes: "Voglio che la gente guardi Downton e se lo goda. Spero anche che ogni tanto riusciamo a farli pensare alla disparità di background in una società egalitaria, o alla difficoltà di essere omosessuale in un periodo storico in cui era ancora illegale. Tocchiamo questo tipo di argomenti ma non sono lo scopo principale del film. Lo scopo del film è regalare al pubblico una bella serata". Il film, in sala dal 28 aprile, comincia con il matrimonio di Tom Branson (Allen Leech) e Miss Lucy Smith (Tuppence Middleton) , figlia di Maud, Lady Bagshaw ( Imelda Staunton) : è il 1928 e per l'occasione si riunisce tutta la famiglia e la servitù di Downton Abbey. Da quando la sua salute è peggiorata, la Contessa Madre (Maggie Smith), la vedova Crawley, si è trasferita di nuovo al castello. Violet ha ereditato una villa nel sud della Francia che, a sua volta, vuole lasciare in eredità a Sybbie, la figlia di Lady Sybil e Branson. Chi è il defunto Marchese di Montmirail? E perché ha lasciato un dono così generoso alla Contessa Madre?

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA