Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Eurovision, Maneskin: «Gli artisti si espongano, su Ucraina nessun dubbio»

Ospiti della finale dell'Eurovision con nuovo brano Supermodel

Di Redazione

"Sull'Ucraina non si possano avere incertezze, non esistono zone grigie. E' una guerra ingiustificata e ingiustificabile. Non c'è spazio per la discussione: è sbagliato sotto tutti i punti di vista. Putin è un dittatore moderno, un tiranno". I Maneskin, per voce di Damiano - zoppicante e con la stampella dopo aver preso una storta mentre giravano un video -, difendono a spada tratta il loro "Fuck Putin" gridato al Coachella che ha fatto il giro del mondo.

Pubblicità

"Lo rifarei. Tutta la vita, tutti i giorni. Sono sconcertato dalla reazione che che c'è stata. E anzi, invito altri artisti a farlo. Perché come personaggi pubblici abbiamo un potere enorme: la tendenza a essere sempre neutrali per non perdere o guadagnare pubblico la trovo antiartistica, paracula". Giovani, ma determinati, i quattro ragazzi romani sul palco dell'Eurovision Song Contest, dove tornano come ospiti della finale dopo la vittoria dell'anno scorso, lasceranno che siano gli artisti ucraini stessi a farsi sentire: "la loro voce è più autorevole della nostra". Dopo un anno di successi in Europa e in America, la band torna sul palco da dove è iniziato tutto o quasi. "E' stato un anno pazzesco. Siamo felici e orgogliosi. L'Eurovision è stata la partenza di un nuovo capitolo della nostra carriera, e tornare qui ha un grande significato". ma da qui si riparte anche per nuova musica. Sul palco del Pala Olimpico di Torino i Maneskin presentano il loro nuovo singolo, appena pubblicato: Supermodel, ispirato dal loro periodo americano e dalla vacuità di certi personaggi ossessionati dalla popolarità e dal successo. "Per noi è più facile rimanere con i piedi per terra, perché siamo in quattro e quando uno prova a fare il galletto viene subito umiliato dagli altri tre", raccontano ridendo Damiano, Victoria, Ethan e Thomas. "Quando siamo sul palco siamo consapevoli che le persone sono lì per la musica e non per celebrare noi".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: