Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Ferro, niente passaporto italiano a miei figli, esclude Victor

"Avrebbero solo svantaggi, mentre da americani son tranquillo"

Di Redazione

ROMA, 08 SET - "Non ho ancora fatto loro il passaporto italiano anche se ne hanno diritto, forse lo farò più avanti, o lo faranno loro. Tanto a farli entrare col passaporto italiano avrebbero solo svantaggi, mentre da americani son tranquillo, so che se vengo in tour Victor può prendersi cura di loro… È una cosa che può sembrare stupida, e invece mi fa soffrire da morire". Tiziano Ferro, alla vigilia dell'uscita del suo nuovo singolo La vita splendida che anticipa l'album atteso per novembre, racconta di sé e della sua famiglia in un'intervista a Rolling Stone. E lo fa battendosi per i suoi diritti. In particolare il cantautore, che da anni vive negli Stati Uniti con il marito Victor con il quale ha adottato Andres e Margherita, ha spiegato il perché i due bimbi non abbiamo ancora i documenti italiani. "Oggi - ha detto Ferro -, se voglio far entrare i miei figli in Italia, so che avrebbero diritto a metà del presidio genitoriale, anche se ci sono due persone che possono prendersi cura di loro". E ha aggiunto: "Se stanno male, solo io posso andare al pronto soccorso perché Victor non risulta sul passaporto, il che è una cosa aberrante. Al di là dell'essere d'accordo o meno, della morale, di un senso di colpa costruito a tavolino, ho sempre pensato che i miei diritti non tolgono nulla a quelli degli altri. Quando poi questa cosa prende una faccia, che è quella dei tuoi bimbi, è allora che ti ferisce".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA