Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Gli eventi della settimana in Sicilia

"Bellini, Wagner, Sinopoli" chiude stasera al Massimo di Catania  il ciclo "Tributo a Vincenzo Bellini". Domani il Biondo di Palermo inaugura con "Pupo di zucchero" di Emma Dante

Di Redazione

Ripartono gli spettacoli in  presenza, si alza finalmente il sipario degli Stabili. Ecco gli appuntamenti della settimana tra prosa, musica e visite alla scoperta dei tesori delle città siciliane. 

Pubblicità

 

MUSICA

Stasera al Teatro Massimo Bellini di Catania (ore 21) "Bellini Wagner Sinopoli. Flânerie tra genio, mito e musica". Spettacolo su testi di Costanza Di Quattro da un’idea di Antonino Rapisarda in memoriam Giuseppe Sinopoli, nel ventennale della morte. Orchestra e Coro del Teatro Massimo Bellini. Giovanni Sinopoli regista. Mario Incudine, Tullio Solenghi voci recitanti. Francesca Sassu soprano, Franco Vassallo baritono, Dario Russo basso, Luigi Petrozziello maestro del coro, Guido Maria Guida direttore. partiture di Bellini, Wagner e Sinopoli. Lo spettacolo chiude i due mesi di spettacoli della rassegna "Tributo a Vincenzo Bellini". 

Al Politeana Garibaldi di Palermo , venerdì 8 e sabato 9 ottobre, rispettivamente alle ore 21.00 e alle 17.30, Mà vlast (La mia patria), omaggio in musica di Bedřich Smetana alla sua Boemia. Sul podio dell'Orchestra Sinfonica Siciliana salirà Daniel Smithla. Verrà infatti proposta la prima esecuzione assoluta della nuova edizione critica curata da Hugh Macdonald.
 

Alla sala De Curtis di Catania, venerdì 8 e sabato 9 ottobre,  Antonello Tonna e Valeria Fisichella ci faranno rivivere attraverso le canzoni, le poesie e gli aneddoti più significativi, quel periodo storico che ha visto le melodie partenopee superare ogni barriera per essere riconosciute ed amate in tutto il mondo.

 

PROSA

 In scena al Verga di Catania fino al 29 ottobre per il Teatro Stabile etneo lo spettacolo "Donne in Guerra" diretto da Laura Sicignano che ha inaugurato la stagione. Sei storie tutte al femminile, interpretate da Federica Carruba Toscano, Egle Doria, Isabella Giacobbe, Barbara Giordano, Leda Kreider e Carmen Panarello. Estate 1944, guerra civile in Italia: mentre gli uomini sono al fronte, sono scappati o sono morti, le donne cercano di sopravvivere, attraverso indicibili difficoltà. Ma questo percorso le condurrà a conoscere se stesse e la propria forza. Sei di queste vicende, ispirate a storie vere, portano in teatro la memoria di quei destini di eroine.

 

 

Dopo il debutto al Pompeii Theatrum Mundi, approda domani al Teatro Biondo di Palermo "Pupo di zucchero. La festa dei morti", ultima creazione di Emma Dante. Liberamente ispirato a "Lo cunto de li cunti» di Giambattista Basile, il testo racconta la storia di un vecchio che per sconfiggere la solitudine invita a cena i defunti di famiglia. Nella notte fra l’1 e il 2 novembre, si mette a preparare il pupo di zucchero. E mentre l’impasto lievita lascia le porte aperte e la casa si riempie di ricordi e di vita. Con Tiebeu Marc-Henry Brissy Ghadout, Sandro Maria Campagna, Martina Caracappa, Federica Greco, Giuseppe Lino, Carmine Maringola, Valter Sarzi. Dal 7 al 17 ottobre. 

Al Museo Riso di Palermo per L'officina del sarto" si replica il 6 alle 21, “Titì e Vincenzina”, lavoro teatrale che Umberto Cantone e Guido Valdini hanno costruito elaborando un progetto che Franco Scaldati aveva immaginato senza avere il tempo di portarlo in scena, è interpretato da Serena Barone e Aurora Falcone. 

Al Teatro Libero, a  Palermo, va in scena "La commedia degli errori", repliche fino a sabato, alle 21.15.  Progetto di Lia Chiappara, che ne firma anche la regia, interpreti Matteo Anselmi, Giada Costa, Giuseppe Pestillo, Giulia Tarantino, Giuseppe Vignieri. 

 

GITE,  TOUR, MOSTRE

LE VIE DEI TESORI ritorna a Catania per tutti weekend di ottobre: trenta luoghi, tantissime esperienze, sei imperdibili passeggiate. Dai tunnel preistorici alle antiche farmacie, dagli atelier d’arte al butoh. Focus sulle collezioni universitarie note solo agli accademici Una piccola sezione anche a Acireale, trekking sull’Etna, passeggiate a Viagrande, Adrano, Trecastagni e Linguaglossa. 

 

 

A Catania sarà possibile visitare oltre alla grotta dell’Amenano, anche la  Grotta Petralia, un vero tunnel preistorico generato dal raffreddamento della lava. Nella farmacia storica De Gaetani sembrerà di respirare l’aria antica degli speziali, alla Società Storica Catanese  si scoprirà la “stanza dei re” con documenti dal 1816 al dopoguerra; e ci si potrà meravigliare di fronte agli exibit interattivi e le animazioni 3D della Città della Scienza: la partecipazione dell’Università quest’anno è di peso, apre infatti anche il Museo dei saperi e delle mirabilia siciliane, un “assaggio” vero e proprio delle innumerevoli collezioni dell’Ateneo; e il palazzo centrale dell’Università dove da pochi giorni è esposto lo scheletro del più piccolo elefante nano mai esistito sulla Terra, presente fino a 500 mila anni fa. Dalla chiesa di Santa Chiara dove Verga ambientò “Storia di una capinera” si passerà a Santa Maria di Gesù che è uno scrigno di preziose opere d'arte, non perdete la Madonna con bambino di Antonello Gagini e il trittico di Antonello da Saliba. Dal Bastione degli Infetti voluto da Carlo V, che ospitò un lazzaretto seicentesco, al castello Ursino costruito da Federico II che ha resistito ad ogni calamità.

 

 

Le mani d’oro: quelle dei pupari storici, i Fratelli Napoli che apriranno il loro laboratorio; e le altre, di mastro Alfredo Guglielmino che alla bottega Cartura crea impalpabili delicatezze di carta. Alla Cappella Bonajuto vi parleranno di come Houel ne subì il fascino bizantino, nella cripta di Sant’Euplio, la storia del martire cristiano. Sarà l’anno dei palazzi nobiliari: Palazzo degli Elefanti che ospita il Comune, palazzo Asmundo di Gisira divenuto un albergo di charme, chi cerca il bel tempo andato raggiunge Palazzo della Cultura, chi invece cammina sulle tracce del Basile, Palazzo Biscari che è tutto un gioiello; preferirà Villa Manganelli, si ritorna ad ammirare i rimandi sfacciati al Rinascimento fiorentino di Palazzo Scuderi Libertini: fatevi mostrare il loggiato defilato e la terrazza affacciata sul giardino.

Tutte gli itinerari e le informazioni sul sito delle Vie dei tesori

 

FESTE E  SAGRE 

Torna la Festa del castagno a Trecastagni questo fine settimana e il prossimo. Colori, arte, profumi e sapori sulla piazza di Trecastagni. Sarà una sagra di paese, una festa con artigiani, artisti, creativi, prodotti tipici siciliani, sapori e profumi di stagione, castagne e vino. E per i bambini ci sarà un laboratorio d'inglese e il "mercatino dei piccoli". 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA