Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

I Beddi Musicanti di Sicilia "sbarcano" sui Nebrodi con il loro folk non convenzionale

Domani a Longi  la formazione etneo-messinese presenta il nuovo disco “Non chiamateci folksinger”

Di Redazione

Nel titolo del loro ultimo album c’è tutto lo spirito di una delle formazioni più dinamiche del folk-world music Made in Sicily: “Non chiamateci folksinger”. Loro sono i Beddi Musicanti di Sicilia - Mimì Sterrantino voce, chitarra acustica, chitarra battente, chitarra a dodici corde, mandolino, ukulele, armonica; Giampaolo Nunzio voce, organetto, zampogna, friscalettu, flauto traverso, bouzouki, marranzano; Davide Urso tamburi a cornice, mandolino, cori, marranzano; Francesco Frudà chitarra elettrica, chitarra a dodici corde; Alessio Carastro batteria, djambè, percussioni; Pier Paolo Alberghini contrabbasso, Ottavio Leo fonico e produttore artistico – che domani, giovedì 19 agosto porteranno la festa della musica al Campetto plurimo di Longi (Messina), evento che fa parte del Sicily Folk Fest, ottava edizione della rassegna itinerante in varie piazze siciliane, organizzata dall’associazione Tamburo di Aci, con la direzione artistica di Davide Urso, dedicata alle migliori esperienze musicali del nuovo folk e della world music Made in Sicily. L’ingresso è libero.

Pubblicità

Tre parole per distinguersi; tre parole per sganciarsi dalle etichette, per togliersi dalle spalle quella polvere fatta di note scontate; tre parole decise, chiare e a tratti, rabbiose. La rivoluzione degli etneo-messinesi I Beddi, iniziata anni or sono, continua e si rivela ancor più palesemente all'interno del nuovo album “Non chiamateci folksinger”; una rivoluzione adesso manifesta che sa di ribellione, una sommossa disciplinata contro ogni qualsivoglia classificazione artistica o musicale. I Beddi Musicanti di Sicilia sono espressione unica del "Sicily Unconventional Folk", il folk siciliano non convenzionale, un genere innovativo e moderno. La band è costruita attorno a musicisti poliedrici appartenenti a mondi artistici e musicali differenti; il risultato è un folk leggero che sconfina nel blues, nel cantautorato più celebrato in Italia, nel country americano, nel jazz e in molte altre espressioni musicali apparentemente lontane dal folk tradizionale siciliano.

Davide Urso: «Proviamo oggi a liberarci da ogni tipo di etichetta, da ogni classificazione dell’arte, della cultura musicale. Noi siamo cresciuti raccontando uno spaccato della musica, delle tradizioni e della cultura della nostra meravigliosa isola, la Sicilia. Ma poi abbiamo avuto negli anni il piacere di evolverla questa musica, di plasmarla, di farla nostra, di renderla più moderna. E siamo arrivati a costruire un genere diverso. Quello che noi chiamiamo il Sicily Unconventional Folk. Noi crediamo che la musica sia immensa, e non possa essere classificata, è musica e basta. “Non chiamateci folksinger” è un modo nuovo di concepire la world music, è una sintesi del nostro percorso artistico lungo 15 anni, sonoro e musicale»

Il programma del Sicily Folk Fest 2021 prosegue 

venerdì 20 agosto sempre a Longi (Me), Campetto plurimo: ore 21.30 Pupi di Surfaro                        

giovedì 26 agosto - Roccafiorita (Me), Piazza autonomia: ore 21.30 Giampiero Amato e About Folk in Lu cantu Amatu.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA