Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Il dramma di Bruce Willis: «Ho l'afasia, non posso più recitare»

Un post sui social a firma della moglie Emma Heming, dell’ex moglie, Demi Moore e dei cinque figli

Di Gina Di Meo

La carriera di Bruce Willis sconvolta da un disturbo che comporta la perdita della capacità di produrre il linguaggio, l’afasia, e per questo è costretto a dire addio al cinema. L'annuncio della malattia dell’attore, 67 anni, è arrivato su social media con una dichiarazione da parte della famiglia. «Questo è un momento difficile per la nostra famiglia - si legge - e apprezziamo davvero il vostro persistente affetto, compassione e sostegno. Agli straordinari fan di Bruce, vogliamo condividere che il nostro amato Bruce ha avuto dei problemi di salute e di recente gli è stata diagnosticata una afasia, che ha compromesso le sue abilità cognitive e per questo metterà da parte la sua carriera che significa tanto per lui».

Pubblicità

La dichiarazione su social media è firmata dalla moglie Emma Heming, dall’ex moglie, Demi Moore e dai cinque figli, Rumer, 33 anni, Scout, 30 anni, Tallulah, 28 anni, Mabel, 9 anni e Evelyn, 7 anni. L'attore ha alcuni progetti in post produzione come "Vendetta", "Fortress: Sniper's Eye" e "White Elephant". Non è chiaro a questo punto quale sarà il destino di 'Fortress 3', attualmente in pre-produzione. Willis ha iniziato la sua carriera cinematografica negli anni '80 con l’apparizione in 'Delitti inutilì con Frank Sinatra, compare inoltre in "Miami Vice" (1984-1989), "Ai confini della realtà" (1985) e nel film Il verdetto (1982).

Nel 1988 viene definitivamente consacrato grazie all’interpretazione del poliziotto John McClane in "Trappola di cristallo" (Die Hard), il primo film della saga di Die Hard. Nel 1987 sposa l’attrice Demi Moore e con lei oltre che con gli amici Sylvester Stallone, Arnold Schwarzenegger e Whoopi Goldberg fonda la catena di ristoranti Planet Hollywood. Nel 1990 interpreta il sequel di "Die Hard 58 minuti per morire" (Die Harder), a cui succederà il terzo capitolo nel 1995 "Die Hard - Duri a morire".

Nel 1994 recita in "Pulp Fiction" di Quentin Tarantino. Altre sue interpretazioni significative sono "La morte ti fa bella", (1992) di Robert Zemeckis, "L'ultimo boy-scout" (1991), "L'esercito delle 12 scimmie" (1995),  "Il quinto elemento" (1997) di Luc Besson, "Armageddon - Giudizio finale" (1998), "The Sixth Sense" - Il sesto senso (1999). Nel 2018 è protagonista de 'Il giustiziere della nottè - Death Wish di Eli Roth, remake dell’omonimo film del 1974 interpretato da Charles Bronson. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA