Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

La tre giorni siciliana di Lda per il suo instore tour: «E non vedo l'ora di riabbracciare Nunzio»

Luca D'Alessio reduce dall'ultima edizione di “Amici” a Melilli, Catania e Palermo: «Che bella la Sicilia»

Di Simone Russo

E' iniziato con un “bagno di folla” l'instore tour siciliano di Lda. All'anagrafe è Luca D'Alessio ma per tutti lui è Lda. Reduce dall'ultima edizione di “Amici” da poche ore ha presentato il suo primo album omonimo. Tre gli appuntamenti siciliani del suo instore Tour. Lda ha già incontrato il suo pubblico siciliano a Melilli, adesso sarà la volta del pubblico catanese (sabato 21 maggio alle ore 17 al “Katanè” di Gravina) e poi della tappa a Palermo (domenica 22 maggio alle ore 17 a “La Torre”). Lui è sicuramente in assoluto tra i protagonisti più amati e streammati di Amici21. Già con il primo brano presentato nella scuola di Canale5 è entrato nella Top50 Italia di Spotify ed ha conquistato il disco di platino. Oggi già conta 60milioni di streaming sulle piattaforme musicali.

Pubblicità

 

«E' la terza volta che vengo in Sicilia – dice Lda- le prime due volte sono venuto in vacanza e adesso sono qui per portare la mia musica. Ho un rapporto speciale con la vostra Terra. Adoro la gente, i colori ed il cibo. Tutta l'Italia è bellissima, ma la Sicilia si trova proprio all'interno del mio cuore. La Sicilia mi ha sempre incantato, mi ricorda molto Napoli. Si percepisce lo stesso calore da parte delle persone e poi qui, ho mangiato l'impossibile».

 

A soli 19 anni hai incantato il pubblico di “Amici” e poi tutta l'Italia, cosa ti ha lasciato questa esperienza e soprattutto te lo aspettavi?

«E' stata una esperienza bellissima. Sia artisticamente che sul piano umano. Mi ha proprio migliorato tanto. La rifarei altre centomila volte. Non potevo mai prevedere tutto questo affetto d parte del pubblico italiano. Era realmente impensabile. Il brano “Quello che fa male” è stato presentato all'interno del programma ed ha fatto il record della storia di “Amici”. Ho raggiunto il disco di platino in un “battito di ciglia”. Grazie infinitamente a tutti. Una mattina mi sono svegliato ed ho deciso di partecipare ad “Amici”, mi sono iscritto senza pensare a nulla. Sono molto scaramantico e amo tanto le cose non pensate e non ragionate».

 

Adesso sei in giro per l'Italia per presentare il tuo album “Lda”, come nasce questo progetto?

«Sono sette inediti che raccontano tutte le sfumature di una mia storia d'amore. Mi piace vederla come un'altalena delle emozioni. Non sempre tutti siamo felici e non sempre tutti siamo tristi. Non sempre tutti siamo neutri. Però, questa altalena continua lo stesso e penso che faccia bene all'essere umano, perchè si continuano a vivere tante emozioni. E' un periodo davvero speciale della mia vita e questo disco rappresenta per me il culmine di questi mesi intensi e allo stesso tempi stupendi».

 

C'è differenza tra Luca D'Alessio e Lda?

«Nessuna. Assolutamente no. Questa è la mia fortuna, sono il personaggio di me stesso. Luca e Lda sono esattamente la stessa identica cosa».

 

All'interno di “Lda” c'è anche il singolo “Bandana” che si prepara ad essere un tormentone estivo. Questo brano vuole rappresentare la spensieratezza, dopo due anni surreali credi che sia arrivato il momento di essere spensierati?

«Assolutamente si. Quando penso alla bandana, mi viene subito in mente l'estate e quel senso di libertà. C'è quella voglia di vivere la vita e i rapporti speciali con i propri genitori, con i propri figli, con i propri nipoti. La bandana ci fa venire in mente anche un bel bagno al mare. Togliere i problemi dalla testa, per riprenderli a settembre. La bandana è un oggetto veramente utilissimo e alla portata di tutti».

 

All'interno di “Amici” hai incontrato il “nostro” catanese Nunzio, con lui è nata una amicizia speciale. Come mai?

«Siamo come Mimi e Cocò. Non vedo l'ora di vederlo ed abbracciarlo. Siamo diventati come fratelli. Siamo molto simili ed è bellissimo condividere questa esperienza insieme».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA