Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Laura Pausini, pandemia e guerra stravolgono le idee sul futuro

Popstar, 'Piacere di conooscerti' docufilm 'sliding doors'

Di Redazione

ROMA, 05 APR - Tra la pandemia e la guerra in Ucraina stanno accadendo cose "che stravolgono i nostri pensieri sul futuro. Spero solo che saremo ancora in grado di sognarlo con gli occhi grandi di chi ha speranza in ciò che verrà". Lo dice all'ANSA Laura Pausini, riflettendo sul momento che stiamo vivendo e su Laura Pausini - Piacere di conoscerti, il docufilm di Ivan Cotroneo prodotto da Endemol Shine Italy per Amazon Studios, al debutto dal 7 aprile in 240 Paesi in esclusiva su Prime Video. Un racconto nel quale la popstar si 'sdoppia', raccontando non solo il suo straordinario percorso, tra pubblico e privato, iniziato a 18 anni dalla vittoria a Sanremo Giovani, che l'ha portata ad essere una pluripremiata star della musica internazionale (70 milioni di dischi venduti), ma anche immaginando come la sua vita sarebbe stata se quella vittoria non ci fosse stata. "Dal 2018 mi chiedevano un documentario su di me e ho sempre pensato che non sarebbe stato così interessante - spiega -. Volevo fare qualcosa di speciale e ho pensato a dare risposta a una domanda che mi faccio da 29 anni, cosa sarebbe potuto succedere nella mia vita se non fossi diventata famosa. Così una notte ho scritto la storia sul telefonino e ho 'controproposto' ad Amazon di realizzare un docufilm che fosse una sorta di sliding doors". Durante il lockdown "ho capito - aggiunge in conferenza stampa - di avere bisogno di fare un riassunto della mia vita fino a lì". Vediamo così, in parallelo, l'artista raccontarsi in prima persona dall'esordio a 8 anni in piano bar con il papà Fabrizio, fino al Golden Globe vinto e all'Oscar perso dello scorso anno. Parallelamente conosciamo un'altra Laura, quella che non ha vinto Sanremo e vive portando avanti un laboratorio da ceramista, crescendo da sola il figlio Marcello. "Non volevo esaltare la mia carriera, l'autocelebrazione non mi interessa, volevo fosse un viaggio introspettivo" sottolinea. L'ultima generazione "è abituata a legare molto l'idea di successo legato alla fama, ai like, ai social, lo vedo anche con mia figlia. Ma non siamo la nostra immagine".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA