Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Parigi dedica una mostra a Simone Veil, 'un destino europeo'

Fino al 31 ottobre alla Cité de l'Economie

Di Redazione

PARIGI, 16 MAR - "Simone Veil, un destino europeo": in coincidenza con la presidenza di turno francese dell'Unione europea, la Cité de l'Economie di Parigi (Citéco) consacra una mostra alla grande umanista d'Oltralpe, ministra della Salute nonche' paladina dei diritti delle donne e prima presidente dell'Europarlamento sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. "Nel quadro della presidenza francese dell'Ue, la Citè de l'Economie propone una mostra sulla lotta di Simone Veil per l'Europa ma anche sulla sua azione politica e sociale per fare evolvere la nostra società", dice Philippe Gineste, il direttore di Citéco che ospita l'esposizione fino al 31 ottobre 2022. Nata il 13 luglio 1927 a Nizza da una famiglia di origini ebraiche, Simone Veil resta un modello per generazioni di francesi e non solo. Il percorso espositivo è scandito da 16 pannelli tratti da archivi e dal fondo fotografico del settimanale Paris-Match oltre che da estratti sonori dei principali discorsi di questa grande icona repubblicana. In pochi come lei hanno incarnato i tre valori fondanti della Francia: la Liberta' ritrovata dopo l'immane prova della deportazione ad Auschwitz-Birkenau (i nazisti le tatuarono sul braccio il numero di matricola 78651), l'Eguaglianza, con la sua lotta per i diritti delle donne e l'introduzione della legge sull'Interruzione volontaria di gravidanza (Ivg) che promosse, da ministra della Salute, nel 1974, e la Fraternità , con l'impegno, da prima presidente del Parlamento europeo per un continente sempre piu' unito e solidale. Veil è scomparsa il 30 giugno 2017 a Parigi. Dal 2018, per volonta' del presidente Emmanuel Macron, le sue spoglie sono custodite al Pantheon, dove riposano i grandi della Patria, assieme a quelle del marito Antoine Veil. Già lo scorso anno, il comune di Parigi le dedicò una grande mostra all'Hotel de Ville.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA