Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Sanremo da "Brividi", Mahmood & Blanco trionfano. Seconda Elisa, terzo Morandi

Il Gianni nazionale commenta  scaldo sul palco: "Podio fantastico, siamo tre generazioni, gli anziani, lei di mezzo e i giovani". La lunghissima serata finale nel segno della leggerezza di Sabrina Ferilli

Di Mariella Caruso

Mahmood & Blanco con "Brividi" vincono il 72° Festival di Sanremo. Nella finale a tre hanno superato Elisa con "O forse sei tu" che ha conquistato la piazza d’onore e Gianni Morandi che si è piazzato al terzo posto con "Apri tutte le porte". «Devo ringraziare tutti, prima te, Amadeus, Lorenzo Jovanotti che ha scritto un bellissimo brano, i musicisti. E’ un podio veramente fantastico, siamo tre generazioni, gli anziani, lei di mezzo e i giovani», il commento a caldo di Morandi.

Pubblicità

Massimo Ranieri, con "Lettera di là dal mare" ha vinto il Premio della Critica "Mia Martini" assegnato dai giornalisti della Sala Stampa. A Gianni Morandi con "Apri tutte le porte" è andato il Premio "Lucio Dalla" assegnato dalla Sala Stampa Radio-Tv-Web. Il Premio "Sergio Bardotti" per il miglior testo assegnato dalla Commissione musicale va a Fabrizio Moro con "Sei Tu".Il premio "Giancarlo Bigazzi" alla Miglior composizione musicale assegnato all’Orchestra del Festival va ad Elisa con "O forse sei tu".

 

 

Così anche il 72° Festival di Sanremo, il secondo in pandemia ma con il pubblico all’Ariston, va in archivio. Tanti i momenti non musicali da mettere nell’elenco di un evento che va oltre la musica. Il "non monologo" di Sabrina Ferilli, ultima co-conduttrice ad affiancare Amadeus, che citando Calvino, "rivendica la leggerezza che non è superficialità" perché "in tempi così pesanti bisogna saper planare sulle cose con un cuore senza macigni". 


 I fiori di Sanremo che non sono più appannaggio soltanto delle donne. Il Fantasanremo al quale non si sottrae alcuno con Michele Bravi che va a consegnare i suoi fiori a Mara Venier, o "zia Mara" come vogliono le regole del gioco nato nelle Marche, Massimo Ranieri ed Elisa che citano "Papalina" (il bar dove è nato il gioco) sul palco. Le farfalle olimpiche che danzano sul palco, l'omaggio a Lucio Dalla "un artista che andava oltre la musica" scomparso 10 anni fa, e a Raffaella Carrà. Il discorso sulla violenza in rete e gli hater di Marco Mengoni e Filippo Scotti, il giovane attore premiato al Festival di Venezia con la Coppa Mastroianni per la sua interpretazione di "E' stata la mano di Dio", che Scotti chiude recitando la poesia di Franco Arminio, "A un certo punto", e Mengoni cantando "L'Essenziale". Il bacio e il dono dei fiori di Amadeus alla moglie Giovanna seduta in prima fila con il figlio José, abbracciato da Sabrina Ferilli per aver suggerito al papà il suo nome come co-conduttrice.

 

Ma è la gara la cosa più importante. Ad aprirla è Matteo Romano con "Virale", cantante che si è fatto strada su Tik Tok promosso da Sanremo Giovani, che a dispetto delle apparenze non è il più giovane in gara perché lo scettro è di Blanco. E poi via via, anche se non uno dopo l’altro, arrivano tutti gli altri. Giusy Ferreri con megafono navale canta la sua "Miele". Rkomi, campione di vendite del 2021 con l’album "Taxi Driver", che dopo aver eseguito per l'ultima volta "Insuperabile", ringrazia i suoi fan per avergli permesso di arrivare a Sanremo. Iva Zanicchi, che s'attarda sul palco, con "Voglio amarti". 


 Aka7even che, dopo aver cantato "Perfetta così" saluta i genitori in platea. Massimo Ranieri che emoziona con una perfetta esecuzione di "Lettera al di là dal mare". Noemi vestita di specchi che intona "Ti amo non lo dire". Fabrizio Moro che, dopo aver cantato "Sei tu", regala una piantina ad Amadeus. Dargen D’Amico che coerente con la sua "Dove si balla" ringrazia ironicamente il "Governo italiano che tende a dimenticarsi delle piccole realtà musicali". Elisa, nell’ennesima mise bianca, che emoziona con "O forse sei tu". Irama che dedica "Ovunque sarai" alla nonna che non c'è più e la saluta con un "Ciao nonna". Michele Bravi pronto a scendere in platea da Mara Venier dopo aver cantato "Inverno dei fiori". L’allegria de La Rappresentante di lista con la loro "Ciao ciao", la determinazione femminista di Emma con "Ogni volta è così", l’ingresso sul palco di Mahmood & Blanco con le biciclette del video di "Brividi". Poi Highsnob & Hu con "Abbi cura di te" che ringraziano per la presenza, il milanista Sangiovanni che prima di cantare "Farfalle" avvolge il collo dell’interista Amadeus con una sciarpa rossonera per la vittoria in rimonta sui cugini. Morandi che esegue "Apri tutte le porte" e va a ringraziare il direttore d’orchestra e produttore del brano Mousse T, Ditonellapiaga & Rettore con la loro "Chimica", Yuman con "Ora e qui", Achille Lauro in rosa con calice in mano con Harlem Gospel Choir per "Domenica" e, infine, Ana Mena con "Duecentomila ore", Tananai con "Sesso occasionale, Giovanni Truppi in canotta rossa con "Tuo made, mia madre, Lucia" e Le Vibrazioni con "Tantissimo". Una carrellata di musica che riempie già l’etere. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA