Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Siracusa, il Festival di Pietra al Teatro greco omaggia Battiato e Dalla

I capolavori dei due straordinari compositori, fortemente legati alla Sicilia, verranno interpretati in una chiave inedita e acustica da un nutrito parterre di voci

Di Redazione

Si terrà al Teatro greco di Siracusa il prossimo 22 luglio lo spettacolo inaugurale dell'edizione 2022 del Festival Lirico dei Teatri di Pietra, "Il Risveglio". L'evento sarà un vero e proprio omaggio in musica a Franco Battiato e Lucia Dalla. 

Pubblicità

Protagonisti il Coro Lirico Siciliano, l'Orchestra Filarmonica della Calabria e l'Ensemble Orchestrale in residence del Festival, che saranno diretti da Francesco Costa, anima artistica e musicale dell’ente lirico siciliano promotore della kermesse. Questa si occuperà di portare la grande musica classica, sinfonica e l'opera lirica nei più suggestivi Teatri dell'antichità greca e romana della Sicilia, per poi rivolgersi verso la Calabria e terminare in Tunisia, nel Colosseo di El Jem. 

I capolavori dei due straordinari compositori, fortemente legati alla Sicilia, verranno interpretati in una chiave inedita e acustica da un nutrito parterre di voci: Tatiana Bisceglia, Rita Botto, Federica Contarino, Alessandro Faro, Martina Isaia, Alberto Munafò, Nicoletta Palermo, Federico Parisi, Costanza Paternò, Giuseppe Santangelo.

Sarà una maratona musicale, con un programma incentrato sulla produzione musicale più nota, ma anche più intima e spirituale di Battiato e Dalla, e le composizioni di Ruben Micieli e Corrado Neri: "Prospettiva Nevskij", "Segnali di Vita", "L’animale", "Strade parallele", "Testamento", "Povera patria", "L’ombra della luce", "L’era del cinghiale bianco", "Stranizza d’amuri", "Bandiera bianca", "Cucurucu", "La Cura", "Centro di gravità permanente", "Voglio vederti danzare", saranno questi i brani che omaggeranno l’arte mistica e universale del celebre cantautore etneo.

Queste saranno invece le colonne sonore del genio musicale di Dalla, che ha impresso la sua memoria nella storia della musica italiana: "4/3/1943", "Canzone", "Anna e Marco", "Caruso", "Attenti al Lupo", "Piazza grande", "L’anno che verrà", "Com'è profondo il mare", "Futura", "Tu non mi basti mai".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA