Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Zafferana, al via la rassegna teatrale "Teatri - street "

Di Enza Barbagallo

Nastro di partenza per la Rassegna teatrale "Teatri - street " che comprende la messa in scena di opere drammaturgiche moderne e contemporanee che vogliono rompere gli schemi e distaccarsi dal teatro classico e dialettale e dare la possibilità ai giovani autori contemporanei di vedere rappresentati i propri lavori e far si che trasmettano al pubblico i nuovi linguaggi artistici.La rassegna nata da un'idea dell'attore Jacopo Cavallaro direttore artistico dell'associazione Jama di cui è presidente Giuseppe Cavallaro (attore, regista e scenografo) è stata accolta dal Comune di Zafferana ( assessorato al turismo e spettacoli guidato da Salvo Coco) che l'ha patrocinata.

Pubblicità

"La rassegna è itinerante e ha uno scopo ben preciso- sottolinea lo stesso Jacopo Cavallaro - che è quello di valorizzare i borghi, i luoghi antichi pieni di storia sparsi sul nostro territorio, rendere omaggio ai luoghi colpiti dal terremoto e tenere accesa la speranza di una prossima ricostruzione…. e trasformare questi scenari in palcoscenici…"

E cosi stasera si parte alla grande da uno dei luoghi più belli del Comune: la Cisternazza a Pisano etneo. Attorno ad essa, nel rispetto delle regole, alle ore 19 "L'appuntamento" scritta e diretta da Francesco Russo, aiuto regia Sergio Biagi, musiche originali di Alessandro Cavalieri. Un lavoro interessante che vede protagonisti due giovani attori che dimostrano grande talento e propensione verso il teatro: Samuele Gambino e Giulia Carrara. La vicenda racconta di due personaggi apparentemente normali. Un uomo dopo aver cenato insieme ad una sua presunta amica, la invita a salire nel suo appartamento, ma aleggia una situazione quasi di mistero che porterà il pubblico a chiedersi: Ma sono vecchi amici o no? Come mai lui è così timido e sembra non saperci fare con le donne? Cosa nascondono dietro quella facciata così ambigua? Lo scoprirà chi assisterà alla messa in scena stasera o domani in replica nel Piazzale antistante la storica palazzina liberty sita all'interno del Parco comunale di Zafferana alle ore 19.

La rassegna prosegue il prossimo 17 luglio sempre alla Palazzina liberty e in replica il 18 in Piazza rinascita a Fleri con un'altra messa in scena da non perdere : "Di sicuro c'è solo che è morto il bandito Salvatore Giuliano " scritto e diretto da Jacopo Cavallaro che ne è pure interprete assieme a Francesco Russo, musica dal vivo alla batteria di Giuseppe Caruso, arrangiamenti musicali di Mattìa Cavallaro. Come mai Giuliano?" Volevo scavare nell'anima dell'ultimo brigante dell'Italia post unitaria quella che prepara il grande balzo verso l'industrializzazione - spiega Jacopo- la sua vicenda criminale si intreccia con le piu sconvolgenti trasformazioni politiche, sociali ed economiche del periodo come la crisi della società agraria latifondista, la presenza sempre piu devastante della mafia, l'avvento del partito comunista e di un forte sindacato. Nonostante fosse un assassino feroce Giuliano fu molto amato dal popolo, quasi un leader carismatico, additato in tutto il mondo come una sorta di Robin Hood siciliano che rubava ai ricchi per donare ai poveri". Infine la rassegna si concluderà con "Una storia un po così: Ulisse e Polifemo " scritta e diretta da Francesco Russo che la interpreta assieme a Jacopo Cavallaro con le musiche originali di Mattìa Cavallaro. " E' uno spettacolo - spiega Francesco Russo - che mette in luce aspetti nuovi di questi personaggi famosi rispetto a quelli che ci tramanda la tradizione. Li ho inseriti in un contesto totalmente diverso trasportandoli nel vecchio West dove si riscoprono, discutono, litigano, ma trovano anche dei punti in comune ed emergono verità di cui nessuno mai si era reso conto" Scopriremo queste verità il 28 luglio alle ore 19 alla Cisternazza di Pisano e in replica il 31 luglio alla Palazzina liberty.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA