Notizie Locali


SEZIONI
Catania 33°

agenzia

Polemica sull”oro alla patria’, Liorni ‘sono antifascista’

Il conduttore dell'Eredità nel mirino social, la risposta su IG

Di Redazione |

ROMA, 22 APR – Mentre il caso Scurati ancora tiene banco, un’altra tegola si abbatte sulla Rai e coinvolge Marco Liorni, volto di Rai1, alla guida del game show L’Eredità. Nel mirino una frase pronunciata dal conduttore sull’oro alla patria del regime fascista, durante la puntata di ieri. Una domanda chiedeva in quale anno “I coniugi italiani consegnano alla patria le fedi nuziali, in cambio di anelli senza valore”, ovvero il 1935 con l’obiettivo di finanziare la guerra in Etiopia. “Pensate – ha commentato il conduttore – tantissime famiglie hanno compiuto questo gesto veramente patriottico, quello di donare la fede matrimoniale alla patria con una ricevuta e un anello senza nessun valore”. Frase che ha scatenato polemiche, a partire dai social. Liorni, con un video appena postato su Instagram, ha però rimandato al mittente le accuse. “Volevo dire a chi ha ritenuto che stessi elogiando il fascismo e ai picchiatori del web che sono antifascista e non potrei mai fare un’elogio del fascismo, non mi verrebbe proprio. Nel gioco dell’Eredità cerco attraverso piccole cose di tornare indietro a un certo momento storico. Mi dispiace per chi ha interpreto in modo diverso, avrei dovuto essere più chiaro. Ma penso che dobbiamo darci tutti una calmata, confrontandoci su questioni più costruttive e in modo più civile”. E spiega ancora: “Furono giorni di grande sofferenza, togliersi la fede d’oro per mettersene una di ferro in quell’Italia lì era un gesto sofferto ma anche un gesto di patriottismo: questo è quello che mi hanno raccontato i miei nonni e mio padre, questo è quello che dice la Storia vista con lo spirito dei tempi, non con gli occhi di oggi”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: