Notizie locali
Pubblicità

Sponsor

Bassifondenti, a Vittoria il perfetto equilibrio tra diverse identità culinarie: un viaggio nel gusto che esalta le materie prime

Di Redazione

Bassifondenti. E’ il nome del ristorante, pizzeria e lounge bar che a Vittoria, al civico 43 di via Cavour, offre ai propri clienti un viaggio nel gusto che si fonda sulla qualità delle materie prime e sulla continua ricerca del perfetto equilibrio fra diverse identità culinarie. Mario Giombarresi e Alina Caprian, coppia nel lavoro e nella vita privata, sono partiti da una pasticceria, decidendo poi di puntare sulla ristorazione. Era il settembre 2019, anno dell’incontro con Gianfranco Carbonaro, quando Bassifondenti ha svoltato, cambiando radicalmente anche la struttura. La ristorazione, invece, è arrivata nel dicembre 2021.

Pubblicità

 

 

E’ stata affidata allo chef Alexander Komlev, siberiano, già in Italia a soli 8 anni, a Mazara del Vallo. Komlev ha studiato all’istituto alberghiero di Marsala dove ha avuto il suo primo approccio forte, dopo quello domestico, con la cucina siciliana. La sua formazione è stata poi completata in Toscana, dove ha lavorato per otto anni e conosciuto i segreti della cucina regionale. Da qualche anno, per amore, è infine arrivato a Vittoria. La cucina di Komlev è quindi basata sull’uso di prodotti del Sud, come il Ragusano o il maialino dei Nebrodi, che si fondono con i prodotti del Nord (come la fiorentina), con le materie prime particolarmente utilizzate in Russia (come la barbabietola o il finocchietto selvatico). Una cucina fusion, insomma che strizza l’occhio sia ai ricordi del passato che al presente. Gianfranco Carbonaro, invece, è il pizza chef che, proprio di recente, ha fatto conquistare a Bassifondenti la terza stella nella guida “Peperoncino Rosso” 2021. Carbonaro, nato a Genova, da anni risiede a Vittoria dove è molto noto per la sua attività: panificatore prima, cake designer di fama internazionale poi e pizza chef oggi. Per qualche anno ha poi completato la sua formazione lavorando proprio nella sua città natale.

 

 

Tutti gli ingredienti sono personalmente scelti da Carbonaro che da ragazzo sognava di diventare scenografo e che oggi pone la sua creatività al servizio delle pizze che, oltre che dal gusto eccezionale, sono anche una meraviglia per gli occhi. Le materie prime selezionate sono di primissima qualità, tutti marchi top del settore, e a km 0. La farina, per esempio, arriva dalla provincia di Ragusa e viene fatta seguendo una miscela indicata proprio da Carbonaro.

 

 

Altro pilastro fondamentale di Bassifondenti è Nicola Serra, che si occupa della gestione del locale. Dal punto di vista lavorativo si è formato in Sardegna, sua terra d’origine, e a Londra, avendo sempre la possibilità di operare in grandi locali, con almeno 300 coperti. Mascotte del locale è invece il piccolo Valerio, figlio di Mario e Alina che tiene vivo il morale di tutti.

Fare sempre squadra è uno dei punti di forza

 

 

Mario e Alina hanno volutamente scelto di investire nel centro storico di Vittoria, il locale si trova di fronte alla bellissima Basilica di San Giovanni Battista, e lo hanno fatto quando ancora nel quartiere c’erano pochissime attività. Oggi Bassifondenti è una famiglia che vede i due chef collaborare nella realizzazione delle ricette, come nel caso della “Pizza stellata 22”. A fine serata, poi, tutti insieme tracciano un bilancio della giornata e sempre insieme assaggiano ogni piatto e ogni pizza per cercare di offrire il meglio ai propri clienti. Non solo, Bassifondenti è pronta a regalare importanti e soprattutto grandi novità a chi la sceglierà nel prossimo futuro. Pur non volendo svelare molto, fanno sapere che continueranno a puntare sulle peculiarità di Vittoria, e non solo dal punto di vista gastronomico.

Bassifondenti

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: