Notizie Locali


SEZIONI
°

Ambiente

Settimana dell’ambiente 2024: insieme per la sostenibilità

Eventi e iniziative per valorizzare la biodiversità e promuovere l'educazione ambientale

Di Redazione |

Io sto con l’ambiente” è il claim che caratterizza la quinta edizione della Settimana dell’Ambiente, manifestazione ideata, organizzata e promossa dal Libero Consorzio Comunale di Ragusa. L’evento si svolgerà da venerdì al 5 giugno in vari Comuni della provincia iblea.

«Il Libero Consorzio Comunale di Ragusa intende perseguire i suoi obiettivi istituzionali nell’ottica della sostenibilità ambientale, in perfetta sintonia con le politiche europee e nella consapevolezza che la biodiversità del territorio ibleo è una ricchezza da salvaguardare, nell’ottica di uno sviluppo economico del territorio», dichiara la commissaria straordinaria del Libero Consorzio Comunale di Ragusa Patrizia Valenti.

«Educazione ambientale, approfondimento scientifico, promozione delle peculiarità naturalistiche e delle eccellenze agroalimentari della provincia di Ragusa, anche in chiave turistica, sono gli assi principali che verranno sviluppati nel corso della Settimana dell’Ambiente, una manifestazione giunta ormai alla quinta edizione e che rappresenta un momento ormai atteso dal territorio ibleo», prosegue.

«Scandita da appuntamenti legati alla conoscenza del territorio ragusano e della sua biodiversità, la Settimana dell’Ambiente coinvolgerà Istituzioni, docenti, esperti e associazioni con l’obiettivo di dare ai giovani, alle famiglie e ai turisti la possibilità di conoscere, comprendere e amare le sue peculiarità naturalistiche. Fondamentale anche l’attività di informazione e promozione delle Riserve naturali della Provincia di Ragusa che, oltre a essere luoghi di straordinaria bellezza naturale a disposizione della comunità iblea, rappresentano preziosi laboratori di educazione al rispetto dell’ambiente e alla sostenibilità».

«Fissare l’appuntamento conclusivo della nostra manifestazione nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente, e dedicarlo alle scuole del territorio, è l’ulteriore sforzo per riflettere, assieme alle nuove generazioni, sull’importanza della conservazione e della valorizzazione dell’ecosistema naturale che abbiamo ereditato e di cui siamo tutti responsabili», conclude Patrizia Valenti.

Ad aprire la settimana, venerdì, il convegno sui temi dello sviluppo sostenibile in programma alle 15,30 nella Sala degli Stemmi del Castello di Donnafugata. Ad aprire i lavori sarà la commissaria straordinaria del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Patrizia Valenti. Seguirà l’intervento su “Competenze e formazione per il nuovo paradigma ambientale” di Pierluigi Catalfo, presidente del corso di laurea in Management delle imprese per l’economia sostenibile dell’Università di Catania a Ragusa.

Don Ignazio La China, Vicario Foraneo di Scicli, parteciperà con una serie di riflessioni incentrate sul tema: “Impegnarsi per lo sviluppo sostenibile nella prospettiva dell’enciclica Laudato Sì”. E ancora, si parlerà di “Archeologia sociale e partecipativa” con un focus sulla “realtà di Chiaramonte Gulfi” a cura di Gianvito Distefano, il presidente della cooperativa sociale Nostra Signora di Gulfi.

Il prof. Giorgio Flaccavento, presidente dell’associazione culturale Insieme in città, illustrerà invece il progetto di “Ecomuseo a Ragusa”. Infine, il fotografo naturalista e paesaggista Felice Placenti descriverà “Il Paesaggio Ibleo come luogo dell’anima, attraverso gli occhi di un fotografo”.

Suggestioni che richiameranno le opere in mostra all’interno della Sala Bianca, sempre al Castello di Donnafugata.

La collettiva di pittura e di fotografia “Il Paesaggio degli Iblei” sarà inaugurata alle 17,30. La mostra, a cura di Arte e Studio e di Collettivo Lux, con la partecipazione di Lorenzo Lauria, presidente di Slow Food Ragusa, rimarrà aperta fino al 9 giugno 2024.

Il corposo programma della Settimana dell’Ambiente 2024 proseguirà fino al 5 giugno, con visite guidate all’interno di suggestivi siti archeologici e naturalistici, come la Necropoli bizantina di San Nicola e il sito rupestre di Marafini, o il Mulino San Rocco.

La giornata del 30 maggio sarà dedicata al “risveglio delle eco-scienze”, con la presentazione nel plesso di Donnalucata dell’Istituto Comprensivo “Elio Vittorini” del progetto del ministero dell’Istruzione dal titolo “Orti Didattici Museali”, a cura del circolo Kiafura di Legambiente. Al centro delle attività anche le Riserve Naturali della Provincia di Ragusa, verso il 40° anno dall’istituzione, con un workshop promosso il 31 maggio nel Centro Visite del Museo Naturalistico della Riserva Macchia Foresta del Fiume Irminio e una visita guidata all’interno della riserva. E ancora, spazio al trekking naturalistico nella Cava del Paradiso del torrente Prainito a cura del Cai in programma l’1 giugno.

Nel pomeriggio della stessa giornata è previsto un appuntamento con la “Settimana del gusto e sostenibilità alimentare”.

La Settimana dell’Ambiente 2024 si concluderà mercoledì 5 giugno. Per l’occasione  è previsto un seminario nella Sala Molè al Palazzo della Provincia. Si inizierà alle 9 con i saluti istituzionali della commissaria straordinaria Patrizia Valenti e dell’assessora del Territorio e dell’Ambiente della Regione Siciliana, Elena Pagana. Seguirà la relazione su “Economia circolare, uso efficace dell’emissioni e riduzione delle emissioni clima-alteranti: le opportunità per il territorio siciliano”, a cura di Giuseppe Mancini, prof. dell’Università degli Studi di Catania e di Antonella Luciano, ricercatrice Enea.

Il professore Biagio Pecorino, ordinario dell’Università di Catania, sarà il relatore dell’intervento dal titolo “Economia circolare nel sistema agroalimentare”. I lavori proseguiranno con l’intervento del prof. Giovanni Randazzo, ordinario  all’Università di Messina, dal titolo “Geodiversità e Biodiversità per uno Sviluppo resiliente della Terra”. A chiudere l’intera manifestazione, la presentazione degli elaborati e la premiazione del concorso per le scuole “Una sola Terra”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA