Notizie Locali


SEZIONI
Catania 20°

Sport

Il Catania “frena”: «Nessuna smobilitazione, ma la squadra va male e bisogna cambiare molto»

Di Redazione |

CATANIA Momento particolarmente delicato in casa Catania, in virtù della situazione che sta vivendo la società dal punto di vista economico. Nel messaggio di auguri per le feste natalizie i calciatori rossazzurri hanno trovato l’invito a trovarsi una nuova squadra: “Il Calcio Catania Spa per la ben nota situazione debitoria non potrà far fronte agli adempimenti economici così come attualmente in essere – ha scritto il club ai propri tesserati -. La vita del Catania è primaria ad ogni cosa, ci sembra giusto che troviate una squadra che vi garantisca di soddisfare le vostre esigenze tecniche ed economiche”.

La società etnea oggi è tornata sulla vicenda, prendendo posizione per le critiche ricevute al fine di rasserenare la tifoseriia e fare alcune precisazioni. “Con riferimento ai messaggi recentemente inviati ai nostri calciatori e dopo un’attenta analisi delle reazioni, il Calcio Catania – scrive la società in un comunicato – ritiene opportuno precisare e puntualizzare presupposti, senso e motivazioni delle diverse comunicazioni privatamente inoltrate ai tesserati martedì 24 dicembre”.

“In premessa, è opportuno ribadire che ai nastri di partenza della stagione sportiva 2019/20 il Calcio Catania – scrive il club – si è presentato con un organico giudicato anche dagli addetti ai lavori altamente competitivo in chiave promozione, caratterizzato da un profilo impegnativo in termini di monte ingaggi. Parallelamente al maturare di risultati non in linea con l’obiettivo stagionale, nel corso degli ultimi mesi la dirigenza ha manifestato più volte e chiaramente alla squadra il programma relativo al mercato di gennaio, in stretta relazione al responso della classifica del girone d’andata. Il Catania si ritrova in settima posizione ed è distante ben 21 punti dalla capolista, 11 dal terzo posto, 9 dalla quinta piazza. La media-punti nel girone d’andata è la peggiore, per i rossazzurri, dal ritorno in Serie C (2015/16) a oggi. A fronte di risultati estremamente deludenti, ai calciatori di un gruppo competitivo sulla carta, ma purtroppo non in campo, è stata offerta la possibilità di congedarsi: con chiarezza e coerenza rispetto a quanto più volte riferito agli stessi giocatori, è stata evidenziata la necessità di salvaguardare la capacità del Calcio Catania, fin qui sempre garantita, di corrispondere regolarmente gli emolumenti”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati