Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

Contenuto riservato ai membri

SERIE C

La crisi del Catania, l’anomalo silenzio-stampa di Lucararelli e l’ultima spiaggia della partita di mercoledì

Dopo l'ennesimo ko in campionato, i rossazzurri si giocano una stagione nel ritorno di Coppa Italia contro il Rimini sperando di ribaltare l1-0

Di Andrea Cataldo |

Cristiano Lucarelli dopo la sconfitta ha deciso di non incontrare la stampa per analizzare insieme quanto accaduto all’“Erasmo Iacovone”. Per carità nessuno deve sentirsi costretto, i cronisti se ne faranno una ragione, ma Lucarelli ha abituato tutti a metterci sempre la faccia dopo ogni gara, anche dopo una sconfitta. Lo ha anche ripetuto dopo il successo contro la Juve Stabia: «Ci sarò sempre per commentare le gare, a maggior ragione quando perderemo».

Il suo silenzio fa riflettere. Il tecnico toscano già da qualche tempo era sembrato sul punto di esplodere. La tanta pressione deve iniziare a farsi sentire, così Lucarelli ha deciso di evitare le interviste del post gara e magari iniziare a riflettere sul match di mercoledì.

Sfida fondamentale

La sfida di mercoledì sera al “Massimino” contro il Rimini a questo punto diventa fondamentale. Dopo il mercato rivoluzionario ci si attendeva una scossa che non è arrivata, la classifica comincia a essere impietosa e davvero mercoledì sarà l’ultima chiamata per tutti. Già giovedì sarà tempo di bilanci, perché in ogni professione contano i risultati, a maggior ragione nello sport.

Per il Catania ha parlato invece Andres Tello. Il centrocampista che è stato a lungo rincorso e che sembrava dovesse far svoltare il gioco del Catania, anche ieri ha deluso. «Nel primo tempo non siamo riusciti a mettere in mostra le nostre qualità, concedendo tanto spazio al Taranto – ha affermato il giocatore – poi nella ripresa abbiamo creato alcune azioni da rete, ma in questo momento ci manca la fortuna e non riusciamo a portare a casa punti che sarebbero utili per la nostra classifica».

La prestazione del Catania è stata insufficiente, e questo è indiscutibile. In campionato prosegue l’altalena di risultati e un andamento non porterà da nessuna parte. Come nel poker bisogna a questo punto fare “all-in” (puntare tutte le fiches sul piatto) in Coppa Italia e sperare di ribaltare l’1-0 dell’andata. Tello ha spiegato cosa servirà mercoledì per superare il Rimini. «La partita di di Taranto è completamente diversa da quella di mercoledì – ha affermato – Qui è andata male, ma noi dobbiamo subito guardare oltre e rialzarci immediatamente. In vista di mercoledì siamo molto concentrati, sappiamo che dobbiamo vincere, saremo in casa e con i nostri tifosi al nostro fianco possiamo riuscire a fare grandi cose. Di certo servirà una grande prestazione e noi faremo di tutto per metterla in campo».

La reazione

I tifosi del Catania si aspettano una risposta importante da Sturaro e soci. Mercoledì il Massimino sarà tutto esaurito e come al solito spingerà i calciatori a dare il massimo. Il morale in casa rossazzurra è sotto i tacchi, ma è arrivato il momento di una reazione.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati