Notizie locali
Pubblicità
FOTO GALTIERI

Sport

Al Catania basta un gol di Russini, ma che fatica contro la Vibonese

Rossazzurri in vantaggio dopo pochi minuti, ma il match resta in bilico fino alla fine: grande sofferenza per gli oltre duemila tifosi al Massimino 

Di Giovanni Finocchiaro

CATANIA – Faticando e rischiando, il Catania porta a casa il successo sulla Vibonese grazie al gol di Russini in apertura. Che sofferenza per gli oltre 2 mila tifosi, arrivati allo stadio per incitare la squadra che poche ore prima aveva avuto la certezza dei pagamenti arretrati.

Pubblicità

Va avanti il Catania 5' dopo il fischio d'inizio. Russotto dalla destra serve basso in area un cross sul quale s'avventa Russini e non sbaglia. La Vibonese reagisce e prima del 20' sfiora il pari con Sorrentino. Bravissimo Sala a chiudergli lo specchio restando in piedi fino all'ultimo istante. Ancora Sorrentino cerca la via del gol in scivolata, prima del riposo Sipos serve Russini che cerca invano il bis.

L'uscita di Greco per infortunio limita l'azione dei rossazzurri sulla fascia, ma Ropolo fa il possibile per rimediare rispetto alla velocità del compagno di squadra, visto che ha meno corsa e meno minuti da portare in dote. Nella ripresa i rossazzurri rischiano più volte di capitolare: Golfo su punizione sfiora il pari, l'arbitro non giudica irregolare un contatto Ercolani-Persano, Spina a giro sfiora ancora il pareggio.

Si innervosisce il match delle panchine con i due allenatori che non se le mandano a dire, con un collaboratore di D'Agostino cacciato.

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: