Notizie locali
Pubblicità
foto da Facebook/Palermo FC

Sport

Al Barbera finisce 1-1 tra Palermo e Avellino

Match intenso e combattuto tra due squadre che confermano di poter ambire a un torneo di alta classifica

Di Redazione

Palermo e Avellino chiudono sull'1-1 al "Barbera" al termine di un match intenso e combattuto tra due squadre che confermano di poter ambire a un torneo di alta classifica. Clima da grande match al "Barbera" con i tifosi che si fanno sentire e fanno la propria parte. Dopo un’iniziale fase di studio il Palermo passa in vantaggio al 14': angolo di Dall’Oglio e stacco di testa vincente di Lancini.

Pubblicità

L’Avellino reagisce e si rende pericoloso al 25' con un tiro a giro di Di Gaudio che Pelagotti respinge. Il palermitano in maglia bianconere sci prova anche al 29' su assist di Kanoute ma Pelagotti si oppone. Dall’altra parte Silipo sfiora il raddoppio su calcio di punizione, palla destinata all’angolino che Forte respinge in angolo. Al 37' la più ghiotta occasione per l’Avellino, sempre con Di Gaudio che colpisce il pallone di testa in mezzo all’area che si stampa sul palo interno e poi viene bloccato sulla linea da Pelagotti.

 Nella ripresa al 13' il Palermo resta in dieci per l’espulsione di Doda, al secondo giallo dopo un fallo su Kanoute. Al 15' punizione di Matera e grande intervento di Pelagotti in angolo. Al 20' si ristabilisce la parità numerica per l’espulsione di Rizzo dopo un fallo su Valente. Al 28' Mignanelli impegna Pelagotti che respinge corto si avventa D’Angelo che colpisce il palo ma c'era fallo sul portiere. Al 32' l’Avellino pareggia su calcio di rigore trasformato da Tito e concesso per un dubbio intervento di Peretti su Plescia.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA