Notizie locali
Pubblicità

Sport

Atalanta: Gasperini ,non è la squadra che mi aspettavo

'Il vero mercato inizia adesso. Pinamonti? Mai fatto nomi'

Di Redazione

BERGAMO, 09 AGO - "Non è l'Atalanta che mi aspettavo. La società s'è impegnata, ma la sensazione è che il mercato si stia muovendo solo ora". Gian Piero Gasperini, a margine del saluto della squadra allo stadio di Bergamo, esprime un giudizio interlocutorio sulle operazioni estive: "Ho dato ragione ai tifosi sul coro del 'vinceremo il Tricolore', ma è una ruffianata. Impossibile vedere quali obiettivi saranno alla nostra portata finché non si chiuderà questa sessione - spiega il tecnico -. Lo scopo è potenziarci, abbiamo rincorso giocatori anche importanti ma il mercato è bloccato quasi per tutti". Sui nuovi, i prestiti di ritorno e i giovani, Gasperini è netto: "Ederson ha grande gamba ed energia, Lookman ha rapidità, tecnica, dinamismo e resistenza anche se non ha il gol facile, mentre chi mi ha impressionato è Okoli, fortissimo anche strutturalmente: due anni alla Cremonese gli hanno fatto bene, può giocare in mezzo alla difesa o sui lati". Qualche intoppo di troppo nel precampionato: "Gli infortuni di Zappacosta in vacanza e adesso di Demiral, che non è pronto per la Sampdoria, più la sospensione di Palomino, sono state tre brutte tegole. Per fortuna dietro posso spendere De Roon, andrebbe clonato. Ma nei test di Newcastle e Valencia, pur con qualche problema e le sconfitte di misura, abbiamo tenuto". Infine, sugli affari non concretizzati in uscita e in entrata: "Miranchuk? Ci sono aspetti economici da risolvere, io non c'entro niente anche se Luca Percassi ha dato la colpa a me. Pinamonti? L'unico nome che io abbia mai fatto è stato Palacio cinque anni fa, poi ho indicato solo ruoli".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: