Notizie locali
Pubblicità

Sport

Catania, arrivano gli stipendi e la Vibonese: non c'è l'azzurrino Moro, i gol "affidati" a Sipos

Al Massimino il match contro i calabresi rinviato l'alluvione

Di Giovanni Finocchiaro

La partita che incombe, gli stipendi arrivano. In casa Catania sarà un mercoledì di speranza ritrovata e di lotta (in campo) per via di novità attese da tanto tempo ma anche per la sfida di campionato con la Vibonese (al Massimino, ore 20,30) , recupero del match non giocato il 31 ottobre per il post alluvione.

Pubblicità

Il tecnico Baldini non avrà il centravanti Moro, capocannoniere del campionato: «In avanti sostituire Moro in questo momento, visto anche lo stato di forma attraversato da Luca, non è assolutamente semplice ma Sipos si è sempre allenato bene e domani giocherà sicuramente lui». Mancheranno pure Zanchi e Stancampiano squalificati, Piccolo, Frisenna e Pinto infortunati: «Lotteremo con i giocatori che ho a disposizione, sempre pronti alla lotta e al sacrificio» sibila il tecnico. Che, poi, accenna agli avversari: «La Vibonese nelle ultime sei partite ha perso solamente con il Palermo e sappiamo la forza dei rosanero, poi ha sempre fatto risultato, viene da un percorso positivo. Ha cambiato qualcosina rispetto all’inizio, quando giocava con la difesa a quattro. Ora la maggior parte delle volte si schiera a tre o cinque dietro, si è ricompattata, non è facile fargli gol ed è una squadra brava a ripartire».

Baldini continua a non guardare la classifica e a centrocampo potrebbe scegliere di dare ancora una maglia da titolare a Maldonado o schierare un terzetto più fisico con Rosaia, Provenzano e Greco: «Ho anche Cataldi e Izco – rileva – ma il fatto che abbia cambiato Maldonado a Campobasso non era una bocciatura».

Nella Vibonese, il presidente del club è Pippo Caffo, re dell'Amaro del Capo (azienda che conduce in prima persona con il figlio Nuccio) originario di Santa Venerina e tifoso del Catania sempre, tranne quando lo affronta da avversario.

Ieri, dopo la notizia del pagamento degli stipendi, in Tribunale è arrivato un rinvio sul ricorso avanzato dalla Curatela fallimentare per conto della Catania Servizi sulla gestione di Torre del Grifo. Il giudice si è riservato di esaminare nel dettaglio la documentazione e poi deciderà.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: