Notizie locali
Pubblicità

Sport

Catania, tante assenze e turn over forzato col Monterosi

Una delle settimane più difficili del club rossazzurro alle prese con una gravissima crisi societaria

Di Giovanni Finocchiaro

Nella settimana più difficile degli ultimi anni, il Catania deve anche trovare spazio per il calcio giocato. Spazio e soprattutto mentalità, concentrazione. Insomma, a Monterosi Tuscia, nel Viterbese, deve dimenticare le polemiche per gli stipendi non pagati, la messa in mora dei calciatori, un atto dovuto dopo i ritardi accumulati.

Pubblicità

 

 

Ma tra qualche ora si gioca, il turno della domenica alle 14,30 mette di fronte in un match inedito il club laziale e un Catania che ha dovuto rinunciare a molte pedine importanti. In difesa mancheranno Pinto (infortunato), Calapai (squalificato) e Ropolo, assenza last minute per una indisposizione. A centrocampo recupera Maldonado, ma non ci sarà lo squalificato Rosaia. Tra i venti convocati si rivede anche l'esterno Gabriel Bianco dopo un lungo infortunio, ma non ci sarà Piccolo, operato giorni fa.

Se il tecnico Baldini aveva intenzione di procedere al turn over, le assenze forzate glielo consentiranno.

«Diversi giocatori non saranno della partita, compreso Ropolo che durante la rifinitura si è fermato per un affaticamento muscolare. Sono fiducioso nei ragazzi, ho una squadra importante che si potrà giocare a viso aperto questa sfida. La terza gara della settimana mi porterà a cambiare qualcosa per forza di cose ma sono fiducioso sull'andamento del match».

Sulla messa in mora della squadra, Baldini ha accennato: «Pensiamo alla partita, tutti quanti noi siamo concentrati sul match. Poi ci sono giorni in cui si parla anche d'altro e il mio pensiero lo conoscete. Se la squadra fosse stata fragile, le lacune sarebbero emerse già da tanto tempo».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA