Notizie locali
Pubblicità

Sport

Copa America, la finale è Brasile Argentina: sarà Messi contro Neymar

Sabato a Rio de Janeiro il superclassico del Sud America. Per la Pulce l'ultima occasione per vincere con la sua Nazionale

Di Redazione

- A 34 anni Lionel Messi si trova davanti a una delle ultime occasioni per vincere un grande trofeo con l’Argentina: l’appuntamento è sabato a Rio de Janeiro contro il Brasile di Neymar e in palio c'è la Copa America, che i verdeoro hanno conquistato nell’ultima edizione e che è stata solo sfiorata in tre finali dal fuoriclasse, ancora in trattativa per il rinnovo con il Barcellona. 
 «Fiero e felice di appartenere a questo gruppo», ha scritto Messi sui social dopo la semifinale con la Colombia, da cui è uscito con la caviglia sinistra insanguinata e con un assist per Lautaro Martinez, che ha segnato il gol del vantaggio ma dopo il pareggio di Luis Diaz ha sprecato una clamorosa occasione che avrebbe evitato i rigori (la formula non prevede i supplementari). E la foto del post di Messi è dedicata all’eroe di giornata della Seleccion, il portiere Emiliano Martinez, 29 anni, una carriera da gregario con la valigia in Premier League prima di imporsi un anno fa nell’Aston Villa. Mentre dall’altra parte del mondo Gianluigi Donnarumma si addormentava dopo aver portato l’Italia in finale di Euro 2020 parando un rigore alla Spagna, lui ha fatto ancora meglio bloccando tre tiri dal dischetto a Davinson Sanchez, Yerry Mina e Edwin Cardona, dopo averli provocati con frasi del tipo: «Fratello, guarda come ti mangio». 
 Parare i rigori «è una questione di fortuna e questa volta la gloria è toccata a me - ha commentato Emiliano Martinez -. Dal primo giorno diciamo che vogliamo giocare la finale e che non c'è niente di meglio che affrontare il Brasile sul loro campo». 
 Sarà un nuovo duello fra Messi e Neymar, che fin qui ha segnato due gol nel torneo. Le ultime due reti decisive per il Brasile portano però la firma di Paquetà, ex milanista in forza al Lione, che ha steso Cile e Perù, e ora diventa ancor più importante per il ct Tite alla luce dell’assenza di Gabriel Jesus: è di due giornate (più 5mila euro di ammenda), infatti, la squalifica per l’espulsione rimediata nei quarti, quindi dopo la semifinale salterà anche l’ultimo atto della Copa America.
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: