Notizie locali
Pubblicità

Sport

Damiano Caruso in trionfo sull'Etna

Il campione di Ragusa ha vinto la sua prima corsa a tappe in carriera aggiudicandosi la 25ª edizione del Giro di Sicilia che si è concluso ieri con l'ultima tappa a Piano Provenzana. >Sapevo che gli ultimi due chilometri erano i più duri e a quel punto ho deciso di attaccare>. Vincenzo Nibali vincitore nel 2021 ha chiuso al 4° posto

Di Lorenzo Magrì

Il ragusano Damiano Caruso in trionfo sull'Etna e travolto al traguardo dall'abbraccio della moglie Ornella, i due figlioletti, dal papà Salvatore, da tutti gli altri parenti e dai  tifosi arrivati da Ragusa e da tutta la Sicilia per incitarlo verso la conquista di questa grande impresa. Damiano Caruso ha infatti vinto oggi la prima corsa a tappe in carriera aggiudicandosi la frazione finale della 25ª edizione del Giro di Sicilia promosso dalla Regione Siciliana e Rcs Sport, dopo aver trionfato nel secondo traguardo di mercoledì a Caltanissetta e arrivando così a quota sei successi da professionista dopo aver chiuso nel 2021 al secondo posto al Giro d'Italia.

Pubblicità

<Ho fatto una tappa in controllo – confessa Damiano, 34 anni – conoscevo gli ultimi due chilometri dell'ascesa verso Piano Provenzana che ho percorso decine di volte in allenamento e sapevo che gli ultimi due chilometri erano i più duri e a quel punto ho deciso di attaccare>.

Un attacco che ha fatto subito effetto costringendo il suo avversario diretto per il successo finale, il messinese Vincenzo Nibali, alla resa, dopo che lo "Squalo dello Stretto" ci aveva provato con un allungo a 7,6 km dal traguardo.

Caruso che ha corso con i colori della Nazionale italiana, seguito in ammiraglia dal ct azzurro Daniele Bennati, ha vinto a braccia alzate come aveva fatto mercoledì sul traguardo di Caltanissetta quando allo sprint aveva battuto Nibali. Alle sue spalle Louis Meintjes (Intermarché - Wanty - Gobert Matériaux), Jefferson Cepeda (Drone Hopper - Androni Giocattoli) e Vincenzo Nibali (Astana), il vincitore del Giro di Sicilia 2021, che ha fatto festa con il fratello Antonio suo compagno all'Astana che ha chiuso al decimo posto.

Caruso oltre a fare sua la maglia Giallo Rossa di leader della classifica generale, sponsorizzata dalla Regione Siciliana e consegnata dall'assessore regionale allo Sport Manlio Messina, ha vinto anche la maglia Ciclamino come leader della classifica a punti. Dedicata al made in Italy.

«Anche questa edizione del Giro di Sicilia - sottolinea Nello Musumeci, governatore della Regione Siciliana - ha visto una straordinaria partecipazione popolare. È stata una vera festa di sport e accoglienza, una vetrina internazionale che, ancora una volta, ci ha permesso di mettere in mostra le bellezze del nostro territorio, in coincidenza con il periodo pasquale che, finalmente, ha di nuovo fatto registrare il tutto esaurito in molte località dell’Isola. Il trionfo del “nostro” Damiano Caruso è motivo di grande orgoglio. Vedergli sollevare il trofeo con il simbolo stilizzato della Trinacria ci regala grande soddisfazione>. <Una scommessa vinta – ha aggiunto Manlio Messina, assessore allo Sport e al Turismo della Regione Siciliana – con la Sicilia in vetrina per quattro giorni con tutte le sue suggestive bellezze>.

Approfondimenti sul giornale in edicola domani

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA