Notizie locali
Pubblicità

Sport

E' morto Ninni Vaccarella: vinse tre volte la Targa Florio e partecipò alla 24 ore di Le Mans

Aveva 88 anni, è stato il migliore pilota siciliano di sempre

Di Redazione

È morto a 88 anni Nino Vaccarella, detto Ninni, il miglior pilota siciliano vincitore di ben tre edizioni della Targa Florio. Nato a Palermo il 4 marzo 1933, e tra i migliori piloti di vetture sport a livello internazionale. La passione di Ninni inizia quando giovanissimo assiste ad alcune edizioni del mitico Giro Automobilistico di Sicilia, voluto da Raimondo Lanza di Trabia con Stefano La Motta e Vincenzo Florio. Si laurea in Giurisprudenza nel 1956 e collabora immediatamente nella gestione della scuola di famiglia, l’Istituto Oriani, dove comincia anche ad insegnare prima di diventarne il preside. Oltre alla targa Florio ha partecipato alla 100 km del Nurburgring, alla 12 ore di Sebring, alla 24 Ore di Le Mans ed alla 1000 Km di Monza.

Pubblicità

Beniamino degli appassionati di motori in Sicilia, Vaccarella aveva cominciato la sua carriera di pilota negli anni Cinquanta, passando dalle gare in salita alle corse in circuito. 

 La sua prima vittoria di prestigio arriva con la Ferrari alla 1000 km del Nurburgring, nel '64 (anno in cui la scuderia di Maranello conquista il titolo mondiale), e un mese dopo vince anche la 24 Ore di Le Mans. Nel '70, con Ignazio Giunti e Mario Andretti, sale sul podio più alto alla 12 ore di Sebring. 
 Alla Targa Florio, la gara che più ha amato, il primo trionfo arriva nel '65 in coppia con Lorenzo Bandini sulla Ferrari 275P; seguiranno due vittorie con l’Alfa Romeo: nel '71 in coppia con Toine Hezmans e nel '75 con Arturo Merzario. 
 Laureato in giurisprudenza, dopo la prematura morte del padre dirige a Palermo la scuola privata della famiglia (da qui il soprannome di «Preside volante) e divide la passione sportiva con il lavoro tra i banchi che lascerà solo per andare in pensione. 
 Sulle Madonie, il territorio che ospita il circuito della Targa Florio, ancora oggi - a quasi mezzo secolo dalla sua ultima e vittoriosa partecipazione alla gara - c'è chi dà una tinteggiata al suo nome che campeggia sui muri del tracciato. 
 Il Comune di Collesano, dove sorge un museo della Targa Florio, l’ha «adottato», conferendogli la cittadinanza onoraria. 

La biografia. Nato a Palermo il 4 marzo 1933, Vaccarella è considerato il miglior pilota siciliano ed ha legato il suo nome soprattutto alla mitica Targa Florio, che ha vinto nel 1965 in coppia con Lorenzo Bandini, (Ferrari 275 P), nel 1971 con Toine Hezemans (Alfa Romeo 33/3 Sport Prototipo) e nel 1975 con Arturo Merzario (Alfa Romeo 33TT12 spyder) nella sua ultima gara da pilota. Laureato in giurisprudenza, dopo la morte del padre si dedica alla conduzione dell’istituto scolastico privato gestito dalla sua famiglia, diventando insegnante e poi preside da cui il suo soprannome di "preside volante". Vaccarella è stato pilota ufficiale Ferrari, con cui ha ottenuto nel 1964 il secondo posto nella 12 ore di Sebring, la vittoria della 1000 km del Nürburgring e della 24 Ore di Le Mans prima di passare all’Alfa Romeo. La sua esperienza di pilota lo vede protagonista anche nella Formula 1 con quattro i Gran premi disputati in tre diversi campionati: il GP d’Italia del 1961, 1962 e 1965 rispettivamente con le scuderie De Tomaso, Lotus e Ferrari, ed il GP di Germania del 1962 con la scuderia Porsche.Nato a Palermo il 4 marzo 1933, Vaccarella è considerato il miglior pilota siciliano ed ha legato il suo nome soprattutto alla mitica Targa Florio, che ha vinto nel 1965 in coppia con Lorenzo Bandini, (Ferrari 275 P), nel 1971 con Toine Hezemans (Alfa Romeo 33/3 Sport Prototipo) e nel 1975 con Arturo Merzario (Alfa Romeo 33TT12 spyder) nella sua ultima gara da pilota. Laureato in giurisprudenza, dopo la morte del padre si dedica alla conduzione dell’istituto scolastico privato gestito dalla sua famiglia, diventando insegnante e poi preside da cui il suo soprannome di "preside volante". Vaccarella è stato pilota ufficiale Ferrari, con cui ha ottenuto nel 1964 il secondo posto nella 12 ore di Sebring, la vittoria della 1000 km del Nürburgring e della 24 Ore di Le Mans prima di passare all’Alfa Romeo. La sua esperienza di pilota lo vede protagonista anche nella Formula 1 con quattro i Gran premi disputati in tre diversi campionati: il GP d’Italia del 1961, 1962 e 1965 rispettivamente con le scuderie De Tomaso, Lotus e Ferrari, ed il GP di Germania del 1962 con la scuderia Porsche.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA