Notizie locali
Pubblicità

Sport

F1: Minardi, 'lavoriamo da tempo a Imola, sarà festa'

Presidente circuito emiliano:ancora qualche posto venerdì-sabato

Di Redazione

ROMA, 11 APR - "Speriamo che sia un week end di festa a Imola, grazie a Dio è partito tutto prima che la Ferrari trionfasse in Australia. Speriamo che la fortuna ci assista, ci sono ancora posti per sabato e venerdì. La Rossa è la più forte, ma abbiamo fatto tre Gran Premi, non venti...". Parola di Giancarlo Minardi, fondatore e storico patron della scuderia emiliana e ora presidente del circuito di Imola dove il 24 aprile si correrà il quarto Gp di Formula 1 della stagione con qualifiche al venerdì e la gara sprint il sabato: "Speriamo a Imola ci sia anche il sole oltre ad una Ferrari vincente e la festa sarà ancora più bella. C'e' ancora spazio per il week-end. Il record di spettatori in Australia a Melbourne? Il nostro è un pubblico esigente, un pubblico che viene per vedere la F1 non per fare altro. Non posso dare dei biglietti che non permettano di vedere le macchine o addirittura di non sentire il motore delle auto". Poi Minardi sull'inizio folgorante della Rossa invita ad andare con i piedi per terra in vista del resto del Mondiale di F1: "ora godrei di quello che la Ferrari ha fatto e di questa superiorità. Abbiamo una macchina al di sopra della concorrenza e la concorrenza non starà a guardare, stiamo con i piedi per terra. Il segreto di questa Ferrari sta nel fatto che hanno interpretato meglio il cambio del regolamento e non è vero che hanno avuto più tempo rispetto agli altri (Red Bull e Mercedes impegnate nella corsa al titolo nel 2021, ndr), sono stati più bravi a interpretare il regolamento. Il merito è di tutto il team e del suo comandante. Gli sviluppi della Ferrari? Non è vero che in questo caso la Rossa non sia forte, storicamente quando a Maranello hanno avuto una base buona sono sempre riusciti ad andare meglio. Hanno già vinto il Gran Premio dell'affidabilità e questo rispetto agli altri è un gran passo in avanti".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: