Notizie locali
Pubblicità

Sport

Gavi, il fenomeno del calcio spagnolo che non si allaccia le scarpe: ecco il perchè

In molti hanno notato che il 17enne Pablo Martín Páez Gavira, in arte Gavi gioca "slacciato"...E non per emulare Maradona

Di Redazione

E’ il più giovane calciatore ad aver mai giocato nella nazionale di Spagna, ed è forse per questo che c'è un pò più indulgenza su una delle poche mancanze di Pablo Martín Páez Gavira, in arte Gavi, che a 17 anni ha già incantato il calcio europeo: ma sui terreni di gioco sui quali corre molto più veloce della sua età, qualcuno ha notato che spesso gioca a scarpini slacciati e non per emulare Maradona. Così la Spagna si è chiesta perché: non è superstizione, non è vezzo da talento venuto dalla strada, ma semplicemente incapacità. «Gavi non sa allacciarsi le scarpe», rivela El Mundo Deportivo del baby talento di centrocampo del Barcellona. 

Pubblicità

Gli esperti la chiamano "disprassia", nel caso dei bambini che hanno difficoltà di coordinamento motorio: difficile pensare che possa non essere coordinato un atleta del genere, che ha fatto parlare di "generazione Gavi" e provocato l’elogio di Luis Enrique che lo ha fatto esordire a Milano, contro l'Italia. «Gioca in nazionale come fosse nel cortile di casa sua». Ma quel piccolo difetto di chi si imbroglia al momento di stringere i lacci è più diffuso di quanto si possa credere. 

«Ha tanta fretta di giocare che non perde tempo ad allacciarsi i lacci», ha scherzato il tecnico che lanciò il baby andaluso nelle giovanili del Betis. Ma le testimonianze raccolte da El Mundo puntano a quell'innocente incapacità: come tanti bambini, conosce e sa compiere tutti i gesti necessari per fermare i lacci, ma il coordinamento finale per la stretta che li blocca, quello manca. Si allena anche quello, notano. Ma la parola finale l’ha scritta un compagno di squadra, Nico Gonzalez, anche lui dalla cantera: su Instagram ha postato la foto mentre in ginocchio allaccia le scarpe a Gavi col titolo. "E' ora di imparare...». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: