Notizie locali
Pubblicità

Sport

Il Messina eliminato: il Foggia passa il turno

I giallorossi partono bene e sfiorano il vantaggio con Catania. Poi il gol dei pugliesi in contropiede con Di Grazia. Il raddoppio su calcio di rigore di Curcio. Nella ripresa palo del Messina con Goncalves
 

Di Manuel Pernice

Niente da fare. Il Messina, in formazione rimaneggiata, saluta la Coppa Italia. Ma per il Foggia di Zeman non è stata una passeggiata. Perchè è il Messina che in avvio sfiora il vantaggio. Succede tutto nel primo tempo. Prima i "satanelli" aprono lo score con Di Grazia. Poi è Curcio a siglare il raddoppio su calcio di rigore. Scampoli di ripresa "frizzanti" del  Messina. Che prova a riaprire il match con Catania e Goncalves. Ma prima Volpi e dopo il palo negano la gioia ai peloritani.

Pubblicità

Il primo sussulto del match è del Foggia. Bordata dalla distanza di Curcio, Fusco fa sua la sfera. Il Messina non si lascia intimorire e reagisce. Busatto "galleggia" tra le maglie difensive avversarie, si libera ma conclude debolmente. Al 9' i peloritani sfiorano il gol. Giocata a cinque stelle di Catania, ma la conclusione termina in "bocca" al portiere. La partita è viva, con le due squadre che giocano a viso aperto. Al 20' il Foggia bussa in area avversaria. Rocca mette nel mirino la porta ma non inquadra lo specchio. Quattro minuti dopo a provarci è Vukusic, dopo un presunto fallo di mano in area di Sciacca. La sua conclusione viene bloccata dal portiere. Al 27' con un rapido contropiede il Foggia apre lo score. Rocca "divora" i metri a sua disposizione e serve un cioccolatino per Di Grazia. L'attaccante pugliese con un tap-in deposita in rete. I pugliesi non si accontentano e quattro minuti dopo raddoppiano. Konate, pressato, sbaglia il passaggio. Sulla sfera si avventa Mercai che viene steso da Carrillo. L'arbitro indica il dischetto. Alla battuta va Curcio che spiazza il portiere Fusco. Adesso il Foggia gioca sul velluto e per due volte sfiora il tris. Prima con la "bomba" di De Grazia disinnescata da Fusco. Poi con Curcio  che conclude addosso al portiere.

 

 

Nella ripresa non cambia il film della partita. Rocca serve Di Grazia che cala il tris. Ma l'arbitro annulla per fallo di mano. Al 53' il Messina prova a svegliarsi dal torpore. Passaggio "laser" di Goncalves per Busatto, controllo difettoso dell'attaccante peloritano che si fa rimontare. Un minuto dopo il Foggia "flirta" con il terzo gol. Di Grazia mette in crisi la difesa e fa partire una sassata. Ma il pallone si spegne sul fondo. Al 62' Mercai impensierisce Fusco che ci mette i polpastrelli. Un minuto dopo i peloritani sfiorano il gol. Conclusione di Catania, Volpe apre il "compasso" e gli dice di no. Sette minuti dopo la fortuna non aiuta il Messina. Azione avvolgente con la sfera che termina tra i piedi di Goncalves. Conclusione che si stampa sul palo. Con il passare dei minuti i peloritani perdono fiducia. Senza creare azioni degne di nota. E a fine partita dicono addio alla Coppa Italia. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: