Notizie locali
Pubblicità

Sport

La Fiorentina fa lo sgambetto ad un Milan pasticcione

Errori di Tatarusano e Theo, super Vlahovic e Saponara: la Viola aggancia Juve e Lazio

Di Franco Zuccalà

La rimaneggiata Fiorentina ha fatto lo sgambetto al suo ex allenatore Pioli facendogli forse perdere il primato in classifica. Dipenderà tutto da Inter-Napoli, ma il risultato di Firenze non è stato certo incoraggiante per la capolista. Bruttissima serata, specie in difesa: quattro gol, un’umiliazione. Al Franchi Il Milan ha fatto la partita, ha messo al muro la Fiorentina nel primo tempo, ha creato molti pericoli per Terracciano, ma i gol li hanno fatti i viola: il primo su una palla alta persa da Tatarusanu, di cui ha approfittato Duncan; il secondo su un tiro imparabile di Saponara da fuori area. Sostanzialmente, il Milan ha sbagliato molto in fase offensiva, i viola hanno resistito e hanno trovato due gol che li hanno sorretti moralmente. Con le sostituzioni, nella ripresa, Pioli ha cercato di cambiare registro. Ma ha preso il terzo gol di Vlahovic. Il Milan ha reagito e i due gol di Ibrahimovic hanno ridato speranze ai rossoneri, poi vanificate da Vlahovic. L'autogol di Venuti non ha consolato i rossoneri. La prima sconfitta stagionale del Milan a Firenze potrebbe cambiare ancora il volto di un campionato che sembrava dover vivere della lunga lotta fra rossoneri e Napoli. 

Pubblicità


Vedremo se dopo la sfida con l’Inter a San Siro la squadra di Spalletti resterà sola al comando. Italiano, in corsa per l'Europa, era privo degli squalificati Quarta e Milenkovic e in difesa aveva varato una coppia centrale Venuti-Igor (hanno lottato bene), Duncan a centrocampo (non Castrovilli) mentre dalla panchina è partito Gonzalez. In porta Terracciano ha avuto molto da fare. I rossoneri avevano rinunciato poche ore prima della partita a Tomori, sostituito con Gabbia (male sul primo gol), mentre già fuori causa erano Calabria (Kalulu) e Rebic. Tatarusanu grosso errore sul gol di Diuncan. Pioli era partito con Ibrahimovic in attacco. Il Milan ha cominciato cercando la profondità con Leao e la Fiorentina ha stentato a proiettarsi verso l’area rossonera. Poi al 15', su angolo, un paperone di Tatarusanu in presa alta e una indecisione di Gabbia, (doppio errore) hanno regalato a Duncan l’occasione di depositare in rete. Il gol ha ringalluzzito i viola. Vlahovic di testa ha cercato il raddoppio: fuori. Il Milan si è rimesso in moto: Tonali ha sparato da fuori e Terracciano non si è fatto sorprendere. Poi il portiere viola ha deviato un tiro pericoloso di Leao. Il portoghese con Ibrahimovic hanno impostato diverse azioni in profondità. 

Terracciano ha deviato un rasoterra di Leao. La Fiorentina si è salvata ancora con Igor. Bonaventura (un ex) ha avuto l’occasione per il raddoppio: fuori. L’assedio rossonero è continuato. Kjaer da destra ha trovato Ibrahimovic che di testa ha messo incredibilmente fuori ! Al 46' Vlahovic ha dato a Saponara (altro ex) che da fuori area ha infilato con un bel destro Tatarusanu. Imparabile. Un sinistro fuori di Ibrahimovic, su imbeccata di Leao, ha aperto la ripresa. Anche il portoghese dopo ha messo alto su palla di Kessie. Insomma, il Milan si è gettato in avanti per rimontare. Al 15' in contropiede Duncan ha lanciato sulla sinistra Vlahovic che ha evitato Terracciano in uscita e ha insaccato. Un minuto dopo, Biraghi ha fatto un retropassaggio servendo involontariamente Ibra che da sinistra ha infilato sul palo più lungo. Al 22' Theo Hernandez da sinistra ha dato a Ibrahimovic la palla del secondo gol rossonero. I cambi viola hanno aiutato la Fiorentina a riequilibrare la situazione. E al 41' un errore di Hernandez al limite ha permesso a Gonzalez di carpirgli la palla e darla a Vlahovic che non ha fallito. L’autogol di Venuti su palla di Ibrahimovic ha chiuso la contesa. In evidenza Leao, che è stato il più vivace dei rossoneri, mentre Terracciano ha salvato spesso la Fiorentina. Grandioso il gol di Saponara. Ibra doppietta: dopo qualche errore si è ripreso. Vlahovic è stato decisivo per i viola. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA